Programma Media 2007, far crescere gli audiovisivi europei

Modalità operative, tempi e costi da affrontare per accedere ai cinque bandi sul programma Media 2007 riguardante lo sviluppo dell’industria dell’audio e del video.

IN SINTESI

BENEFICIARI
Possono presentare progetti le imprese che operano nel settore audiovisivo e nei settori ad esso collegati, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi generali del programma Media. Devono avere sede:

  • nei 27 Stati membri dell'Unione europea;
  • negli Stati membri dello Spazio economico europeo (See);
  • in Croazia;
  • in Svizzera.

Le condizioni specifiche variano a seconda dei diversi bandi (v. il commento)

ATTIVITÀ AGEVOLABILI
Sono attualmente 5 i bandi aperti sul programma Media 2007:

  • Sostegno selettivo alla distribuzione transnazionale
  • Sviluppo di progetti singoli
  • Sviluppo di cataloghi di progetti (slate funding)
  • Slate funding “second stage”
  • Sviluppo di opere interattive on-line e off-line

(Si rimanda al commento di ogni singolo bando)

SPESE AMMISSIBILI
Sono ritenute ammissibili esclusivamente le spese sostenute ai fini dello sviluppo del progetto specifico e indicate nel progetto iniziale (si rimanda al commento di ogni singolo bando)

AGEVOLAZIONE
Si rinvia al commento di ogni singolo bando

PROCEDURA
Si veda la tavola riepilogativa al paragrafo Procedura

SCHEDA DI VALUTAZIONE

DIFFICOLTÀ

La principale difficoltà nella presentazione della domanda risiede nella necessità di predisporre accuratamente il progetto e nel fornire un budget dettagliato per la sua realizzazione. Al di là della validità dell'idea, che resta comunque basilare, è necessario dimostrare una adeguata competenza e solidità tecnico-finanziaria delle imprese candidate

TEMPI

I tempi della procedura istruttoria sono abbastanza lunghi, in considerazione della complessità delle valutazioni tecniche e di merito da effettuare, che vanno al di là della semplice valutazione budgetaria.

COSTI

I costi per la presentazione della domanda possono essere elevati, dal momento che si tratta di proporre progetti dettagliati di opere audiovisive o multimediali e di azioni di accesso al mercato e promozionali. La Commissione offre, comunque, un'assistenza tecnica per facilitare il lavoro di preparazione del progetto e ridurre gli eventuali costi di consulenza per la stesura della domanda.

PROBABILITÀ

Considerata l'entità complessiva del budget disponibile e l'entità delle sovvenzioni, la probabilità di ottenere un finanziamento, è da considerarsi contenuta, a causa dell'elevata concorrenza tra gli Stati membri.

IN DETTAGLIO

Normativa

Dec. 1718/06 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15.11.2006 relativa all'attuazione di un programma di sostegno al settore audiovisivo europeo (Media 2007), Guue serie L, 24.11.2006, n. 327;
Invito a presentare proposte Eacea 29/2010, Sostegno selettivo alla distribuzione transnazionale
Invito a presentare proposte Eacea 25/10, Sviluppo di progetti singoli; Slate Funding; Slate Funding second stage;
Invito a presentare proposte Eacea 26/10, Sviluppo di opere interattive on line e off line

MODULISTICA

http://ec.europa.eu/information_society/media

PER INFORMAZIONI

Antenna Media Torino, Piazza San Carlo 161, Torino, Tel. 011 539853; Fax 011 531490, media@antennamedia.to.it
www.antennamedia.to.it

Oppure
Media Desk Italia c/o Anica, via Regina margherita 286, 00198 Roma. Tel. 06 44259670; Fax 06 4404 128; www.mediadeskitalia.eu

Il programma comunitario Media 2007 si basa sulla lunga esperienza acquisita con i programmi Media I, Media II, Media Plus e Media Formazione, che hanno incoraggiato lo sviluppo dell'industria audiovisiva europea a partire già dal 1991. In quasi 20 anni, l'Unione europea ha supportato non solo lo sviluppo e la distribuzione di migliaia di film, ma anche le attività di formazione, i festival e progetti di promozione delle opere comunitarie.
Il sostegno al cinema europeo (v. box sotto) permette di raggiungere un obiettivo generale più vasto, che è quello della diffusione della cultura europea e della valorizzazione delle specificità che la rendono unica. Al settore audiovisivo, infatti, compete un ruolo fondamentale nell'emergere di una cittadinanza europea, dal momento che rappresenta uno dei principali vettori di trasmissione dei valori culturali e sociali fondamentali comuni e condivisi dell'Unione tra gli europei, in particolare tra i giovani.
Media 2007 si inserisce in un contesto politico coerente a livello comunitario, perseguendo quegli obiettivi di competitività e di innovazione del sistema europeo che rientrano pienamente nella strategia di Lisbona e nella volontà di trasformare l'Europa in una vera economia basata sulla conoscenza, aperta all'innovazione tecnologica e al tempo stesso saldamente ancorata alle proprie tradizioni e diversità culturali, che ne costituiscono la primaria ricchezza.
In un momento di crisi economica come quello attuale, il sostegno alla diffusione di opere europee acquista un ulteriore valenza di rilancio e traino per un settore che solo in Italia genera un valore aggiunto complessivo di circa 2,4 miliardi di euro e un totale di 300 mila occupati.

Le risorse

  • Sostegno selettivo alla distribuzione transnazionale: 12,25 milioni di euro
  • Sviluppo di progetti singoli: 7 milioni di euro
  • Sviluppo di cataloghi di progetti (slate funding): 6 milioni di euro
  • Slate funding “second stage” : 4 milioni di euro
  • Sviluppo di opere interattive on-line e off-line. 2 milioni di euro

Totale: 31,25 milioni di euro

Beneficiari
Possono presentare progetti le imprese che operano nel settore audiovisivo e nei settori ad esso collegati, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi generali del programma Media. Devono avere sede:

  1. nei 27 Stati membri dell'Unione europea;
  2. negli Stati membri dello Spazio economico europeo (See);
  3. in Croazia;
  4. in Svizzera.

Le condizioni specifiche variano a seconda dei diversi bandi.

Sostegno alla distribuzione transnazionale. Imprese operanti nella distribuzione anche digitale di film, fiction e documentari,che detengono i diritti dell'opera nel territorio interessato, ne pianificano la proiezione (dalla campagna di promozione ai controlli) e si impegnano a pagare i costi connessi all'operazione di distribuzione.

Sviluppo di progetti singoli. Società indipendenti di produzione europee, cioè quelle società la cui attività principale è la produzione audiovisiva e che è registrata in uno degli Stati partecipanti al programma Media.
Una società è considerata indipendente quando un'emittente televisiva non detenga un controllo maggioritario sia in termini di capitale sociale sia in termini commerciali.

Sviluppo di cataloghi di progetti (slate funding) e Slate funding “second stage”. Società indipendenti di produzione audiovisiva, legalmente costituite da almeno 3 anni.

Sviluppo di opere interattive on-line e off-line. Società europee indipendenti la cui principale attività è la produzione audiovisiva e/o interattiva. Non sono considerati eleggibili le fondazioni, gli istituti, le università, i centri di ricerca, associazioni ed altri soggetti giuridici che operino nel settore pubblico.
Inoltre non sono ammesse le candidature di raggruppamenti di società, né le persone fisiche.

Attività agevolabili

Sostegno alla distribuzione transnazionale. Sono ammissibili al finanziamento i film piccoli (con un budget inferiore a 3 milioni di euro) e medi (con un budget compreso tra 3 e 15 milioni di euro) che:

  • sono prodotti per la maggior parte da compagnie stabilite in Paesi partecipanti al programma Media e
  • hanno una partecipazione significativa di professionisti residenti nei Paesi partecipanti al programma Media, dove per “significativa” si intende che raggiungano almeno 10 punti (v. tavola sotto).

 

Punteggio

Regista

3

Sceneggiatore

3

Compositore

1

Attore/Attrice 1

2

Attore/Attrice 2

2

Attore/Attrice 3

2

Direttore Artistico

1

Direttore della Fotografia

1

Montaggio

1

Suono

1

Località di registrazione

1

Laboratorio

1

Totale

19

I film non possono essere proiettati prima della data di scadenza del bando e devono essere lanciati entro 18 mesi dalla stessa data.

Sviluppo di progetti singoli. Il bando si riferisce alle seguenti categorie:

  • progetti di animazione finalizzati a scopi commerciali, di durata superiore a 24 minuti;
  • opere di creazione a scopo commerciale, basate sulla vita reale come punto di partenza, di durata non inferiore ai 25 minuti (per episodio in caso di una serie);
  • fiction di durata non inferiore ai 50 minuti (per episodio in caso di serie).

Sono esclusi registrazioni dal vivo, giochi televisivi, talk show, reality show, programmi educativi e didattici o di apprendimento pratico, documentari per la promozione turistica, reportage, telegiornali, progetti volti a diffondere messaggi in contrasto con  le politiche europee, così come ad esempio progetti che promuovano l'utilizzo di alcool, fumo ecc.

Sviluppo di cataloghi di progetti (slate funding) e Slate funding “second stage”. La tipologia di progetti agevolabili è la stessa dei progetti singoli.
Il catalogo deve contenere come minimo 3 e come massimo 6 progetti ammissibili.
Qualora si intenda partecipare alla selezione slate funding non è possibile presentare domanda né per un progetto singolo né per uno slate funding second stage.

Sviluppo di opere interattive on-line e off-line. Le attività agevolabili riguardano fiction (di durata di almeno 50 minuti) e documentari (di durata di almeno 25 minuti), che abbiano le seguenti caratteristiche:

  • siano opere interattive per computer, mobile, cellulari, console per videogame, incluse quelle portatili, che presentino un marcato carattere d'interattività, innovazione e una sceneggiatura strutturata
  • si tratti di nuovi format creativi destinati alla televisione digitale, internet e apparecchiature portatili in cui l'interattività e gli elementi narrativi abbiano un ruolo significativo.

Spese ammissibili

Sono ritenute ammissibili esclusivamente le spese sostenute ai fini dello sviluppo del progetto specifico e indicate nel progetto iniziale, e in particolare:

Sostegno alla distribuzione transnazionale.

  • Costi diretti: pubblicità e promozione (progettazione, stampa, realizzazione spot radio televisivi, depliant, ecc); costi ottici relativi alla realizzazione delle pellicole e loro duplicazione per lo sfruttamento nelle sale cinematografiche; costi digitali e relativi servizi.
  • Costi indiretti nella misura massima di un 7% forfetario delle spese ammissibili.

Sviluppo di progetti singoli, Sviluppo di cataloghi di progetti (slate funding) e Slate funding “second stage”. I 3 bandi si riferiscono tutti alla produzione e sviluppo cinematografici e condividono le stesse tipologie di costi ammissibili:

  • Costi diretti: acquisizione dei diritti, attività di ricerca, ricerca di materiale di archivio, la scrittura della sceneggiatura - compreso il trattamento - fino alla versione finale, la realizzazione degli storyboard, la ricerca dei tecnici principali e il casting, la preparazione di un budget di produzione preventivo, la preparazione di un piano finanziario, la ricerca e individuazione di partner industriali, coproduttori e finanziatori, la preparazione del piano di produzione fino al suo termine, le strategie iniziali di marketing e di sfruttamento dell'opera, la realizzazione di un trattamento video, maquette o pilota.
  • Costi indiretti nella misura massima di un 7% forfetario delle spese ammissibili.

Sviluppo di opere interattive on-line e off-line.
Costi diretti:

      • scrittura e storyboard;
      • creazione del contenuto di base del programma;
      • definizione dei concept (idee) visivi di base (personaggi, sfondi…) e di quelli sonori;
      • realizzazione di una demo o realizzazione di un prototipo giocabile di videogioco per console o computer prima della firma di un contratto di produzione con un editore;
      • ricerca di archivio;
      • acquisizione di diritti;
      • preparazione di un business plan e di un piano finanziario;
      • preparazione di un budget di produzione preventivo;
      • ricerca e individuazione di partners industriali, finanziatori e co-produttori;
      • preparazione del piano di produzione fino al termine della produzione;
      • strategie iniziali di marketing e piani di vendita (mercati e buyers in target, uscite previste, presentazione a festival e mercati, ecc…);

Costi indiretti nella misura massima di un 7% forfetario delle spese ammissibili.

Agevolazione

Sostegno alla distribuzione transnazionale. Il sostegno non può eccedere il 50% dei costi ammissibili. L'entità della sovvenzione viene stabilita caso per caso e non può, comunque, eccedere i 150.000 euro per distributore e per film.

Sviluppo di progetti singoli. Il contributo viene concesso sotto forma di sovvenzione, nella misura massima del 50% delle spese ammissibili. Gli importi variano da 10.000 a 60.000 euro per singolo progetto, fino ad un massimo di 80.000 per i lungometraggi di animazione destinati alla distribuzione nelle sale cinematografiche.
Sviluppo di cataloghi di progetti (slate funding) e Slate funding “second stage”. Il contributo viene concesso sotto forma di sovvenzione, nella misura massima del 50% delle spese ammissibili. È possibile raggiungere il 60% solo per i progetti che presentano un interesse per la valorizzazione della diversità culturale europea. L'importo varia da 70.000 euro a 190.000 per i cataloghi.

Sviluppo di opere interattive on-line e off-line. Il supporto finanziario non può superare il 50% del totale dei costi ammissibili.
I progetti che presentino un interesse per la valorizzazione della diversità culturale europea sono quelli che racchiudano insieme differenti identità culturali nazionali e/o regionali in un quadro di dialogo interculturale tra almeno due Paesi europei. Il progetto deve incentrarsi nelle specificità culturali dei Paesi coinvolti e mettere in evidenza i valori di cui siano portatori le loro popolazioni.
L'ammontare minimo del contributo assegnabile è di 10.000 euro. L'ammontare massimo è di 150.000 euro.

Procedura
I progetti vanno redatti utilizzando gli appositi questionari e facendo riferimento alle linee guida presenti sul sito della Commissione europea o dell'Antenna Media di Torino oppure del Media Desk di Roma.
Le domande devono pervenire a Bruxelles entro le date seguenti e agli indirizzi di seguito indicati, specificando sulla busta il bando di riferimento (v. tavola sotto).

 

Bando

Indirizzo cui inviare la domanda

Scadenza Presentazione Domanda

Eacea 29/2010

Sostegno selettivo alla distribuzione transnazionale

Agenzia per l'educazione, l'audiovisivo e la cultura (Eacea), Avenue du Bourget 1, B-1149 Bruxelles, Belgio
All'attenzione del Sig. Constantin Daskalakis

1 dicembre 2010
1 aprile 2011
1 luglio 2011

Eacea 25/2010

Sviluppo di progetti singoli

29 novembre 2010
11 aprile 2011

Eacea 25/2009

Slate Funding - Cataloghi di progetti

Eacea 25/2010

Slate Funding Second Stage

Eacea 26/2009

Sviluppo di opere interattive on-line e off-line

Una volta ricevuti, i progetti sono valutati dalla Commissione sulla base di tre tipi di criteri: criteri di ammissibilità, di selezione e di attribuzione allo scopo di valutare rispettivamente la correttezza e completezza del dossier, la presenza dei requisiti della società candidata e infine la qualità del progetto, sia dal punto di vista finanziario che dei contenuti proposti.
Completata la graduatoria di merito - adottata con decisione della Commissione - le società candidate vengono informate dell'esito e quelle beneficiarie ricevono una convenzione da sottoscrivere, contenente le modalità di pagamento, il tasso di cofinanziamento, l'importo della sovvenzione.

(per maggiori approfondimenti vedi Finanziamenti e credito, Novecento Media)

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here