Microsoft rilascia un tool per la sicurezza di Iis

La società, il cui Web server e i prodotti di sicurezza sono stati colpiti di recente da una serie di difetti di alto profilo, ha rilasciato un nuovo strumento di sicurezza.

Microsoft, il cui Web server e i prodotti di sicurezza sono stati colpiti di recente da una serie di difetti di alto profilo, ha rilasciato un nuovo strumento di sicurezza. Si tratta della seconda volta in poche settimane. Il nuovo strumento, chiamato Iis Lockdown, è dedicato al mercato home e delle piccole società ed è voluto per essere utilizzato assieme all'altro prodotto di Microsoft, Iis (Internet Information Server) il software Web server attaccato (con successo) a luglio e agosto dal famoso worm Code Red. Code Red utilizza una vulnerabilità mensile in Iis per infettare i server e distribuire se stesso in tutto il mondo. Con Iis Lockdown, Code Red potrebbe non avere successo, poiché se viene creato buco nella sicurezza, questo a sua volta potrebbe non essere vulnerabile (almeno, secondo Microsoft). Iis Lockdown intende fare solo ciò che il suo nome suggerisce: rinchiudere la configurazione di Iis in un sistema, rendendola immutabile e inaccessibile. Il software offre due opzioni di congfigurazione, Express Lockdown e Advanced Lockdown. La prima è una selezione di sicurezza generale "one-click", mentre Advanced Lockdown permette agli amministratori l'opzione di selezionare e scegliere i servizi che saranno permessi sul sistema. Il software controlla la configurazione di un server contro una checklist di partiche di sicurezza fornite da Microsoft per creare sistemi sicuri. La checklist, resa disponibile anche nel sito Web della casa di Redmond, è un documento standalone incluso nello strumento Iis Lockdown. Dopo aver consultato la lista di controllo, Iis Lockdown chiude tutti i servizi non necessari o potenzialmente pericolosi, lasciando solo il core di Iis in funzione. Il software include anche un sistema di aiuti esteso che fornisce informazioni dettagliate sui componenti e su quali siano le situazioni per poterli utilizzare al meglio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here