Lombardia, bandi per l’efficienza energetica delle imprese

La Regione Lombardia ha pubblicato due bandi per sostenere le imprese nei processi di brevettazione e nell’innovazione ed efficienza energetica attraverso l’acquisto di macchinari/attrezzature/apparecchiature

IN SINTESI

BENEFICIARI
Brevettazione: micro, Pmi e centri di ricerca privati
Innovazione ed efficienza energetica: micro e piccole imprese, con almeno un dipendente con contratto di lavoro subordinato

ATTIVITÀ AGEVOLABILI
Brevettazione: ottenimento di uno o più brevetti italiani, europei e/o internazionali relativamente a invenzione industriale, modello di utilità, disegno o modello ornamentale, nuova varietà vegetale, topografia di semiconduttori
Innovazione ed efficienza energetica: efficienza energetica - sostituzione e innovazione - acquisto

SPESE AMMISSIBILI
Brevettazione: procedure relative alla domanda di brevetto italiano, europeo e/o di altri brevetti internazionali
Innovazione ed efficienza energetica: acquisto e installazione di macchinari/attrezzature/apparecchiature, per il montaggio, collaudo, trasporto ed imballaggio, fino al 15% del costo del macchinario/attrezzatura/apparecchiatura

AGEVOLAZIONE
Brevettazione: contributo in conto capitale a fondo perduto
Innovazione ed efficienza energetica: contributo in conto capitale

PROCEDURA
Brevettazione: invio telematico entro il 31 dicembre 2010
Innovazione ed Efficienza energetica: invio telematico entro il 30 settembre 2010, invio della documentazione, entro e non oltre i 15gg. consecutivi successivi alla data di invio on line, a Cestec Spa, Viale Restelli 5/A, 20131 Milano

DIFFICOLTÀ
La compilazione della domanda e dell'allegato tecnico, non presentano particolari problemi anche se non comprendono specifiche note esplicative

TEMPI
Brevettazione:
- iter amministrativo: non prevista
- ammissione al finanziamento: entro il giorno 9 di ogni mese successivo a quello di apertura del bando (10 marzo 2010).
Innovazione ed efficienza energetica:
- iter amministrativo: non prevista
- ammissione al finanziamento: con cadenza non superiore a 30gg. consecutivi

COSTI
Brevettazione: spese di bollo per la domanda
Innovazione ed efficienza energetica: spese di bollo per la domanda, spese di consulenza per la presentazione della domanda

PROBABILITÀ
Brevettazione: buone probabilità per le risorse disponibili ammontanti a 3 milioni di euro
Innovazione ed efficienza energetica: buone probabilità sia per le risorse disponibili, ammontanti a 145 milioni di euro, sia per la possibilità di incrementare le risorse attraverso le economie realizzate.

IN DETTAGLIO

NORMATIVA
• Dpr 9.3.1998, n. 107
• Dm 2.4.1998
• Racc. (Ce) 6.5.2003, n. 2003/361/CE
• Lr 12.12.2003, n. 26
• Dm 18.5.2005
• Dm 21.9.2005
• Lr 11.12.2006, n. 24
• Reg. (Ce) 15.12.2006, n. 1857
• Reg. (Ce) 15.12.2006, n. 1998
• Com. (Ce) 30.12.2006, n. 2006/C 323/01
• Lr 2.2.2007, n. 1
• Reg. (Ce) 20.12.2007, n. 1535
• Del. Cipe 21.12.2007, n. 166
• Reg. (Ce) 6.8.2008, n. 800
• Dpcm 3.6.2009
• Reg. (Ce) 22.7.2009, n. 640
• Dgr 10.2.2010 n. VIII/11229
• Dgr 10.2.2010 n. VIII/11236

MODULISTICA
Per entrambi i bandi, sono disponibili sul Bur, sul sito internet regionale www.regione.lombardia.it e sul sito del soggetto gestore www.cestec.it/home/bandi

PER INFORMAZIONI
Brevettazione:
- per il bando: bando.brevetti@cestec.it
- per il sito (https://gefo.servizirl.it): numero verde 800 131151, attivo dal lun. al ven. dalle ore 8,30 alle ore 17,00 o e-mail: assistenzaweb@regione.lombardia.it
Innovazione ed Efficienza energetica:
Call center generale della regione 800 318318
Numero verde 800 131151, attivo dal lun. al ven. dalle ore 8,30 alle ore 17,00 o
E-mail: assistenzaweb@regione.lombardia.it

Il giorno 12 febbraio 2010 sono state pubblicate, sul supplemento straordinario n. 5 al Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia n. 6, le Ddggrr n. VIII/11229 e n. VIII/11236 del 10 febbraio 2010, con le quali si approvano, rispettivamente, il bando per il sostegno ai processi di brevettazione delle micro, piccole e medie imprese (Pmi) e quello riguardante l'innovazione ed efficienza energetica per l'assegnazione di contributi per l'acquisto di macchinari/attrezzature/apparecchiature.
In particolare, con il primo bando la Regione intende promuovere e sostenere i processi volti all'ottenimento del brevetto italiano, del brevetto europeo e/o di altri brevetti internazionali da parte delle micro e Pmi lombarde, ritenendoli fattori determinanti per l'acquisizione di un rilevante vantaggio competitivo sui mercati nazionali ed esteri.
Intende, inoltre, accrescere e stimolare la propensione delle imprese a brevettare le proprie innovazioni e, per coloro che già detengono brevetti nazionali, a presentare domande per l'ottenimento del brevetto europeo e/o di altri brevetti internazionali.
Con il secondo bando la regione regola la concessione alle micro e piccole imprese di contributi erogati in conto/capitale per l'acquisto di macchinari/attrezzature/apparecchiature nuovi, tecnologicamente avanzati, ovvero il cui impiego produca, attraverso una riduzione dei consumi specifici di energia nelle imprese e la promozione di più elevati standard di efficienza energetica, effetti riduttivi dell'impatto dell'attività produttiva sull'ambiente.
La Regione si avvale, per l'attuazione e gestione dei due bandi, della Cestec Spa.

BENEFICIARI
Brevettazione. Micro, Pmi e centri di ricerca privati, purché costituiti in forma di micro e Pmi, rientranti nella definizione comunitaria e operanti nel territorio regionale, in possesso dei seguenti requisiti:
• essere iscritte e attive nel registro delle imprese delle Camere di Commercio, ovvero con richiesta di iscrizione già presentata al registro delle imprese e in corso di registrazione da parte della competente Camera di Commercio;
non trovarsi in difficoltà ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà e, in particolare, non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
• avere assolto gli obblighi contributivi previsti dalle norme contrattuali e dalle norme sulle salute e sicurezza sul lavoro;
• non trovarsi in nessuna delle situazioni ostative relative agli aiuti di stato dichiarati incompatibili dalla Commissione europea.
Innovazione ed efficienza energetica. Micro e piccole imprese, con almeno un dipendente con contratto di lavoro subordinato, con codice di attività appartenente alle sezioni A, C, D, E, F, G, I, M-70, M-72, M-73, M-74, S-95 e S-96 della classificazione delle attività economiche “Istat - Ateco 2007”.
Le suddette imprese, rientranti nella definizione comunitaria e operanti nel territorio regionale, con unità locale operativa almeno alla data del 31 dicembre 2009 e che al momento della presentazione della domanda soddisfino i seguenti requisiti:
• essere regolarmente iscritte al registro delle imprese della Camere di Commercio territorialmente competente e, nel caso di imprese artigiane, all'albo degli artigiani;
• essere in attività al momento della presentazione della richiesta di contributo;
• non essere sottoposte a procedure concorsuali o liquidazione e non trovarsi in stato di difficoltà.

ATTIVITÀ AGEVOLABILI
Brevettazione. Interventi che abbiano come obiettivo l'ottenimento di uno o più brevetti italiani, europei e/o internazionali relativamente a invenzione industriale, modello di utilità, disegno o modello ornamentale, nuova varietà vegetale, topografia di semiconduttori, mentre è esclusa la registrazione di marchi.
Innovazione ed efficienza energetica. Misura A) “Efficienza energetica - sostituzione” e B) “Innovazione - acquisto” per le quali è ammissibile una sola domanda di contributo per impresa e l'acquisto di un solo macchinario/attrezzatura/apparecchiatura per domanda di contributo tra quelli identificati nell'allegato 2) al bando in esame (v. box sotto).
Per la Misura A), i macchinari sostituiti devono risultare ancora in esercizio presso l'unità locale dell'impresa, alla data di apertura del bando del bando in esame, mentre i macchinari/attrezzature/apparecchiature acquistati devono essere nuovi e ad elevata efficienza energetica.

Efficienza energetica
L'efficienza energetica è conseguita in uno dei seguenti tre casi:
1. acquisto di macchinario/apparecchiatura ad elevata efficienza
energetica, certificata attraverso specifica etichetta in conformità
alle disposizioni contenute nei seguenti atti normativi e limitatamente a
macchinari/apparecchiature da essi regolamentati:
• Reg. (Ce) 22 luglio 2009, n. 640;
• Dm 2.4.1998;
• Dpr 9.3.1998, n. 107;
2. acquisto di macchinario/attrezzatura/apparecchiatura che consente un
livello minimo di risparmio energetico pari al 20% rispetto al
macchinario/attrezzatura/apparecchiatura sostituito
, a parità di
produzione;
3. acquisto di macchinario/attrezzatura/apparecchiatura che consente un
livello minimo di risparmio energetico pari al 5%, riferito al consumo
energetico complessivo dell'unità locale
, a parità di produzione.
Il risparmio energetico conseguito con i casi 2 e 3 dovrà essere,
obbligatoriamente, attestato tramite specifica asseverazione a
posteriori rilasciata da soggetto tecnico terzo

Per la Misura B), gli investimenti devono essere destinati all'acquisto di macchinari/attrezzature/apparecchiature nuovi con l'obbligo di acquisto di macchinari/apparecchiature a più elevata efficienza energetica, certificata attraverso specifica etichetta, in conformità alle disposizioni contenute negli atti normativi già indicati per il conseguimento dell'efficienza energetica.

SPESE AMMISSIBILI
Brevettazione. Sono considerate ammissibili tutte le spese sostenute, dal 1° gennaio 2010 ai 12 mesi successivi alla data di concessione del contributo, riguardanti le procedure relative alla domanda di brevetto italiano, europeo e/o di altri brevetti internazionali (v. box sotto).

Procedure per l'ottenimento del brevetto italiano, europeo e/o di altri
brevetti internazionali

Nello specifico, le procedure riguardano l'articolazione, nel tempo,
delle varie attività propedeutiche, in particolare, per il deposito,
l'esame e la concessione, e quelle conseguenti alla concessione del
brevetto italiano da parte dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
(Uibm), del brevetto europeo, da parte dello European Patent Office
(Epo), e alla successiva nazionalizzazione, e/o alla concessione di
brevetti internazionali, da parte degli equivalenti uffici brevetti di
altri Paesi non aderenti alla Convenzione del Brevetto Europeo, ivi
incluse le procedure gestite dalla World Intellectual Property
Organization (Wipo)

Le spese relative a tali attività sono ammissibili, sia in caso di procedura nazionale che in caso di procedura Patent Cooperation Treaty (Pct).
Tali attività possono, a puro titolo di esempio, riassumersi nei seguenti momenti:
ricerche brevettuali per verificare lo stato della tecnica;
• nel caso di richiesta di ottenimento di brevetti europei e/o internazionali, le attività relative al deposito del brevetto a livello nazionale per acquisire la priorità. Il solo deposito del brevetto italiano finalizzato ad acquisire la priorità e il successivo attestato di brevetto da parte dell'Uibm non costituisce, invece, elemento sufficiente per l'erogazione del contributo. Pertanto, i costi relativi al deposito del brevetto italiano saranno considerati ammissibili solo e soltanto qualora sostenuti per l'acquisizione di priorità sul brevetto europeo e/o internazionale e unicamente a seguito dell'avvenuto deposito del brevetto europeo presso l'Epo o di altri brevetti internazionali presso i competenti uffici di Paesi non aderenti alla Convenzione del Brevetto Europeo;
• attività relative al deposito del brevetto italiano presso l'Uibm, del brevetto europeo presso l'Epo o di brevetti internazionali presso i competenti uffici di Paesi non aderenti alla Convenzione del Brevetto Europeo, incluso il Wipo;
• attività relative alla gestione dell'iter brevettuale durante l'istruttoria dell'Epo o degli analoghi uffici brevetti di Paesi non aderenti alla Convenzione del Brevetto Europeo;
• attività relative alla gestione dell'iter brevettale, in caso di concessione del brevetto italiano, europeo o internazionale;
nazionalizzazione del brevetto europeo e/o internazionale concesso in uno o più Paesi aderenti o meno alla Convenzione del Brevetto Europeo.
Sono considerate ammissibili, al netto di Iva e di altre imposte, le seguenti spese:
a) costi diretti sostenuti nei confronti dell'Uibm, dell'Epo o degli analoghi uffici di Paesi non aderenti alla Convenzione del Brevetto Europeo;
b) consulenze da parte di studi professionali o professionisti del settore, solo se prettamente inerenti la procedura relativa
alla domanda di brevetto italiano, europeo e/o internazionale;
c) costi di traduzione per la nazionalizzazione del brevetto europeo e/o internazionale concesso in uno o più Paesi aderenti o meno alla Convenzione del Brevetto Europeo;
d) costi del personale interno dedicato alla gestione dell'iter brevettuale, fino al 20% del totale delle spese ammissibili.
Sono, invece, escluse le spese relative al mantenimento del brevetto.
Innovazione ed efficienza energetica. Sono considerate ammissibili, le seguenti spese:
a) costi relativi all'acquisto e installazione di macchinari/attrezzature/apparecchiature;
b) costi di montaggio, collaudo, trasporto ed imballaggio, fino al 15% del costo del macchinario/attrezzatura/apparecchiatura, purché comprese nel prezzo fatturato o nel contratto di compravendita;
c) per la sola misura A). i costi relativi all'asseverazione del risparmio energetico ottenuto, nel limite massimo di 500,00 euro.
Sono, invece, escluse le spese:
a) relative ad investimenti realizzati da soggetto diverso dall'utilizzatore del sito produttivo;
b) fatturate all'impresa beneficiaria dal legale rappresentante, dai soci dell'impresa, da società con rapporti di controllo o collegamento, così come definito dall'art. 2359 c.c.;
c) relative ad imposte, spese notarili, interessi passivi, oneri accessori;
d) destinate all'acquisizione di macchinari/attrezzature/apparecchiature usati, ovvero installati presso azienda diversa da quella richiedente;
e) ordinate o fatturate, totalmente o parzialmente, prima della data di pubblicazione del bando sul Bur.
Le spese relative all'acquisizione di beni e servizi sono ammissibili al netto di Iva e di altre imposte e tasse.

AGEVOLAZIONE
Brevettazione. Contributo a fondo perduto erogato in un'unica soluzione, fino al 50% delle spese totali ammissibili, per un massimo di 2.500,00 euro nel caso di richiesta di un brevetto italiano, elevato a 5.000,00 euro nel caso di richiesta di due o più brevetti italiani, ad 8.000,00 euro nel caso di richiesta di un brevetto europeo e/o internazionale e a 16.000,00 euro nel caso di richiesta di due o più brevetti europei e/o internazionali, nel rispetto del regime comunitario de minimis.
Ogni soggetto beneficiario può presentare una sola domanda e non è possibile cumulare i contributi per l'ottenimento di brevetti italiani e di brevetti europei e/o internazionali.
Il deposito del brevetto italiano finalizzato ad acquisire la priorità sul brevetto europeo e/o internazionale rientra nel caso di richiesta di un brevetto europeo e/o internazionale.
Innovazione ed efficienza energetica. L'entità del contributo a fondo perduto, erogato in un'unica soluzione, si differenzia in base alla misura prescelta.
Nello specifico, per la Misura A) è pari al 50% dei costi ritenuti ammissibili, ridotto al 40% per le imprese attive nella produzione di prodotti agricoli, nei limiti e alle condizioni previsti dal Reg. (Ce) n. 1857 del 15 dicembre 2006 e, in particolare, quelli previsti agli articoli 1, 3, 4, 18, 19 e 20, fino ad un massimo di 15.000,00 euro.
Per la Misura B), il contributo è pari al 30% dei costi ritenuti ammissibili fino ad un massimo di 10.000,00 euro, mentre per entrambe le misure l'investimento minimo ammissibile è pari a 2.000,00 euro.
Per le imprese non attive nella produzione di prodotti agricoli, l'agevolazione è concessa nei limiti e alle condizioni previsti per gli aiuti di importo limitato del Dpcm 3 giugno 2009, concernente le modalità di applicazione della Comunicazione della Ce “Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di stato per l'accesso ai finanziamenti nell'attuale situazione di crisi finanziaria ed economica” del 22 gennaio 2009, con particolare riferimento alla Decisione Ce del 28 maggio 2009 di approvazione dell'aiuto di Stato n. 248/2009.
Il contributo pubblico, erogato ai sensi del bando in esame, non è cumulabile con qualsiasi altra forma di incentivazione o contributo regionale, nazionale o comunitaria, richiesti per lo stesso intervento che abbia avuto esito favorevole, o il cui iter procedurale non sia stato interrotto da formale rinuncia del destinatario, fatto salvo quelle previste per i titoli di efficienza energetica di cui ai Ddmm (elettricità e gas) del 20 luglio 2004.
Relativamente agli aiuti concessi alle imprese attive nella produzione di prodotti agricoli, questi non possono essere cumulati con altri aiuti di stato relativamente agli stessi costi ammissibili o con aiuti de minimis se sono superate le soglie di intensità previste dai regolamenti comunitari.
L'accesso al contributo sarà assicurato, esclusivamente, alle imprese in possesso, al momento della presentazione on line della domanda, di un ordine di acquisto relativo al bene oggetto di contributo, da allegare digitalmente alla richiesta di contributo. L'ordine, l'acquisto e la messa in esercizio del macchinario/attrezzatura/apparecchiatura oggetto di contributo dovranno essere effettuati dalla data di pubblicazione sul Bur del bando in esame al 31 dicembre 2010

PROCEDURA
Presentazione delle domande.
Brevettazione:
i termini di presentazione delle domande di contributo decorrono dal 10 marzo al 31 dicembre 2010, salvo esaurimento anticipato delle risorse disponibili (v. box sotto).
Le domande di contributo saranno accettate con procedimento “a sportello”, secondo l'ordine cronologico dell'invio on line.
Tali domande dovranno essere presentate, obbligatoriamente, in forma telematica, utilizzando, esclusivamente, la modulistica on line predisposta su internet e disponibile sul sito web della Regione dedicato ai finanziamenti alle imprese https://gefo.servizirl.it.
La procedura richiede, obbligatoriamente, la validazione della domanda di contributo per il tramite di firma digitale o con carta regionale dei servizi (Crs) e l'assolvimento degli obblighi di bollo in forma elettronica con carta di credito (circuiti abilitati Visa e Mastercard).
Innovazione ed efficienza energetica: la procedura di presentazione delle domande di contributo è aperta dalle ore 8.00 del 10 marzo al 30 settembre 2010, salvo esaurimento anticipato delle risorse disponibili (v. box sotto).
La presentazione della domanda di accesso al bando sarà possibile, esclusivamente, on line mediante la procedura “a sportello” informatizzata messa a disposizione dalla Regione.
Le imprese che intendono presentare domanda di contributo dovranno accedere a “Finanziamenti on line” (https://gefo.servizirl.it), a cui sarà possibile accedere previa registrazione e rilascio dei codici personali di accesso (login/password), compilare digitalmente, seguendo la procedura guidata, la domanda di accesso inserendo tutte le informazioni richieste e inviare telematicamente la domanda di accesso e, per completare l'invio, stampare, sottoscrivere in originale la domanda di accesso al bando così come rilasciata dalla procedura on line e apporre l'apposito bollo (14,62 euro).
Tale documentazione, dovrà essere fatta pervenire, pena l'esclusione, entro e non oltre i 15gg. consecutivi successivi alla data di invio on line, a

Cestec Spa
viale Restelli, 5/A
20131 Milano

La modulistica da utilizzare per la prenotazione del contributo è, esclusivamente, quella resa disponibile on line e riportata in allegato, come fac-simile, al bando in esame

Risorse finanziarie

• Il bando “Brevettazione” ha una dotazione complessiva, comprensiva dei
costi di assistenza tecnica, di 3 milioni di euro (1)
• Il bando “Innovazione ed efficienza energetica” ha una dotazione di
145 milioni di euro (1), al netto dei costi di assistenza tecnica

(1) Eventuali risorse che si liberassero a fronte di revoche, rinunce,
verranno utilizzate per reintegrare la dotazione complessiva

Valutazione delle domande
Brevettazione: se la compilazione è corretta e la domanda presenta tutti i requisiti di ammissibilità, il sistema informativo comunica al richiedente l'esito positivo, a mezzo e-mail, all'indirizzo che il richiedente dovrà obbligatoriamente indicare nella domanda.
A partire dal giorno di apertura del sistema on line e sino a esaurimento della dotazione finanziaria del bando in esame, la competente struttura regionale, entro il giorno 9 di ogni mese successivo, approva, su indicazione del soggetto gestore incaricato dell'assistenza tecnica (Cestec Spa), l'elenco dei soggetti beneficiari ammessi redatto secondo l'ordine cronologico di ricevimento delle rispettive domande con riferimento alla data e all'ora del protocollo digitale. Il termine indicato, qualora ricadente in giornate festive, si intende, automaticamente, prorogato al primo giorno feriale successivo.
L'elenco delle domande ammesse verrà, inoltre, pubblicato sul Bur.
La competente struttura informa, inoltre, tempestivamente i soggetti beneficiari ammessi all'assegnazione del contributo tramite comunicazione via e-mail all'indirizzo indicato nella domanda.
Innovazione ed efficienza energetica: il sistema accetterà domande di contributo in ordine di arrivo e la Regione, con cadenza di norma non superiore a 30gg. consecutivi, procederà ad emettere i decreti di finanziamento delle richieste pervenute nei tempi e nei modi previsti e che rispettano i requisiti di ammissibilità previsti dal bando.
Il sistema informativo, tramite un messaggio di posta elettronica all'indirizzo indicato in domanda, comunicherà al richiedente l'assegnazione del contributo richiesto e fornirà le indicazioni operative per provvedere alle idonee misure di publicizzazione dell'aiuto previste, quali la trasmissione del marchio e le specifiche di utilizzo.
Per entrambi i bandi, la domanda di erogazione dovrà essere predisposta e inviata, esclusivamente, tramite il sistema informativo, entro e non oltre 60gg. dalla conclusione dell'investimento, e nei successivi 15gg. dovranno essere spedita la relativa documentazione cartacea a:

Cestec Spa
Rendicontazione bando brevetti 2010
viale Restelli, 5/A
20131 Milano 

per maggiori approfondimenti vedi Finanziamenti e credito, Novecento Media)

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here