Lenovo “delocalizza” in Ungheria e nomina Luca Rossi Presidente EMEA

Dalla Cina all'Europa, una "delocalizzazione sui generis per Lenovo. La società ha annunciato infatti l’intenzione di produrre in Europa le soluzioni hardware destinate all’area EMEA, così da ridurre i costi di trasporto e di esercizio e offrire tempi di consegna fino a cinque giorni più rapidi ai clienti enterprise.
A dargli man forte ci penserà lo storico manufaturing partner Flex, dal cui sito di Sarvar, in Ungheria, è da poco stato spedito il 5° milionesimo pc a marchio Lenovo.

A partire da questa estate, la produzione riguarderà a gamma completa di server x86 (che continueranno, però, a essere prodotti anche in Cina - ndr), così come le soluzioni storage e di networking Lenovo per ambienti datacenter, e la già esistente produzione Flex della linea di ThinkServer.

Cambio ai vertici di Lenovo EMEA

Quasi contestualmente, Luca Rossi è stato nominato nuovo Presidente per l’area EMEA di Lenovo.
Nel nuovo ruolo, il già Presidente della Regione LATAM subentra a Eric Cador, che lascia l’azienda per tornare al suo lavoro come consulente aziendale.
Prima di entrare in Lenovo e trasformare il business in America Latina, Rossi ha guidato l’area EMEA per Acer e, prima ancora, ha ricoperto il ruolo di General Manager di Asus Europa, azienda in cui il manager è approdato dopo aver fondato e diretto una società di system integration in Italia per undici anni.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here