L’analisi del rischio secondo Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo, il gruppo bancario nato nel 2007, dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo Imi, ha una forte presenza internazionale. Grazie alla sua rete con 8.119 filiali, Intesa Sanpaolo offre i propri servizi a circa 19,6 milioni di clienti nel mo …

Intesa Sanpaolo, il gruppo bancario nato nel 2007, dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo Imi, ha una forte presenza internazionale. Grazie alla sua rete con 8.119 filiali, Intesa Sanpaolo offre i propri servizi a circa 19,6 milioni di clienti nel mondo. All'interno della Direzione Organizzazione e Sicurezza è stato costituito l'Ufficio Progettazione e Standard di Sicurezza Informatica con lo scopo, tra gli altri, di presidiare i livelli di rischio It e di svolgere le necessarie attività di risk analysis, che è lo strumento principale mediante cui si intende garantire l'adeguatezza delle misure di sicurezza, obiettivo che risulta tra gli indirizzi di cui il Gruppo si è dotato per governare il proprio operare. Secondo tale principio, il patrimonio fisico e informativo deve esser protetto mediante la predisposizione e il mantenimento di adeguate contromisure e i sistemi, le reti e gli apparati devono essere tutelati al fine di preservare la riservatezza, l'integrità e la disponibilità delle informazioni. In questo, l'Ufficio Progettazione e Standard di Sicurezza Informatica opera per coordinare e aggiornare la valutazione dei rischi It, valutandone il grado di esposizione e la corretta gestione delle tecnologie di sicurezza, tramite l'integrazione dei monitoraggi forniti dagli enti realizzatori, nonché identificando con gli stessi le contromisure più opportune. Parimenti, nell'ambito delle iniziative progettuali, assicura la definizione dei requisiti di sicurezza informatica, verificando la rispondenza ai requisiti delle contromisure e/o specifiche identificate dall'ente realizzatore, accertando la coerenza dei relativi sviluppi sia con i requisiti sia con le linee guida e gli standard di sicurezza informatica di Gruppo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here