Il mio PC viene usato da un altro utente?

Uso abitualmente Windows Messenger come facile e veloce strumento di comunicazione. Quando accendo il computer, sia al lavoro, sia a casa, Messenger si connette automaticamente usando una connessione ADSL costantemente attiva. Ovviamente se utilizzo il …

Uso abitualmente Windows Messenger come facile e veloce strumento di comunicazione.
Quando accendo il computer, sia al lavoro, sia a casa, Messenger si connette automaticamente
usando una connessione ADSL costantemente attiva. Ovviamente se utilizzo il computer
nel mio posto di lavoro, mi accorgo se qualcuno accende il computer di casa poiché
Messenger mi avvisa quando ha effettuato la connessione. Con Messenger è
anche però molto facile rendersi “invisibili” (opzione delle
impostazioni del programma) e ciò non mi permette più di rendermi
conto se qualcuno ha acceso il mio computer dall’altra parte. Esiste qualche
software da poter installare che, ovviamente sfruttando la connessione ADSL, mi
renda immediatamente noto quando qualcuno accende il mio computer a casa, proprio
come fa Messenger?

C’è un problema di fondo: una volta che un utente non autorizzato
ha acceso il computer ha la possibilità di navigare in Internet ed esplorare
il computer indisturbato.

L’avviso ci informa che qualcuno ha acceso il computer, ma non si ha
la possibilità di bloccare le sue azioni, che, per quanto possano essere
guidate dalla semplice curiosità di scoprire in quali siti Internet siamo
stati o chi sono i nostri contatti di posta elettronica, rappresentano pur sempre
una violazione della privacy.

La soluzione migliore è bloccare l’accesso al sistema
operativo
ricorrendo a delle password. Il metodo delle password è
affidabile con Windows 2000 e XP che hanno dei robusti meccanismi di protezione
all’accesso, mentre con Windows 98 e ME non ha nessuna efficacia in quanto
basta fare clic sul tasto Annulla nella finestra di richiesta
della password per entrare nel sistema operativo.

Con questi due sistemi operativi è consigliabile ricorrere alla protezione
con password offerta dal BIOS della scheda madre.

Se l’esigenza è solo quella di sapere se qualcuno ha acceso il
computer in nostra assenza, non è necessario ricorrere a dei software
aggiuntivi, si possono utilizzare gli strumenti messi a disposizione dei sistemi
operativi.

Windows 98 e ME memorizzano nel file detlog.txt una registrazione
dei risultati delle operazioni di verifica eseguite dal sistema all’accensione,
comprensiva di data e ora. Il file è nascosto, per vederlo è necessario
abilitare l’opzione Mostra tutti i file in Risorse
del computer, Visualizza, Opzioni cartella, Visualizza
.

Windows XP e 2000 fanno all’incirca la stessa cosa nel Visualizzatore
Eventi
(Start, Pannello di controllo, Strumenti di amministrazione,
Visualizzatore eventi, Applicazione
).

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here