Il fallimento di Opengate Group

Il cda ha prsentato istanza di fallimento mentre Opengate Spa verrà inoltrata domanda di ammissione al conccordato preventivo

29 ottobre 2003 Adesso per Opengate
Group
è veramente finita. Il consiglio di amministrazione “stante la situazione di grave dissesto della società e constatata l'assenza di realistiche prospettive di interventi di salvataggio del Gruppo Opengate, ha deliberato di presentare istanza di fallimento in proprio della società”. La decisione è la conseguenza del
fallimento dell'operazione di aumento di capitale che scade il
31 ottobre ma che non ha ricevuto le adesioni necessarie. La società non è
riuscita neanche a raccogliere il quorum necessario per lo svolgimento
dell'assemblea straordinaria tanto che il consiglio di
amministrazione “ha ritenuto che una riconvocazione dell'assemblea con il
medesimo ordine del giorno non fosse compatibile con la suddetta grave
situazione di dissesto in cui versa la società”.
Per quanto riguarda le
società controllate, il giudice del tribunale di Varese ha comunicato di avere
ricevuto un'offerta irrevocabile di acquisto per l'azienda e la controllata
Franchini Lamberto & C. Spa, mentre per Opengate Spa i
liquidatori hanno informato il giudice riguardo la decisione di procedere nei
prossimi giorni al deposito della domanda di ammissione alla procedura di
concordato preventivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome