Il clustering di Sun verso i supercomputer

Sun dovrebbe annunciare in settimana la versione 3.0 del proprio High Performance Computing ClusterTools, che consentirà di connettere fino a 16 server Ue1000, ciascuno dotato di un numero massimo di 64 processori Risc UltraSparc II. Il risultat

Sun dovrebbe annunciare in settimana la versione 3.0 del proprio High
Performance Computing ClusterTools, che consentirà di connettere fino a 16
server Ue1000, ciascuno dotato di un numero massimo di 64 processori Risc
UltraSparc II. Il risultato di questa configurazione di rete, che può
arrivare a contenere fino a 1.024 processori, è in sostanza un potente
supercomputer. ClusterTools consente anche agli amministratori di gestire
diversi server Sun come un singolo sistema, dividendo i carichi di lavoro
sui nodi. Ciascun nodo deve possedere la propria versione del sistema
operativo Solaris e un database parallelo. Il prodotto gira però anche su
macchine di fascia inferiore. Il clock massimo oggi offerto sugli
UltraSparc II è di 480 MHz. Le applicazioni standard Unix dovranno tuttavi
a
essere riscritte per girare sui cluster.
Questo genere di macchine si rivolge soprattutto a realtà interessate
all'electronic business o al data mining, dove si effettuano interrogazioni
complesse e su alti volumi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here