Fisco soft e fondo garanzia per imprenditori under 40

Sono gli interventi proposti dai Giovani di Unimpresa al Governo, mirati a rafforzare e rendere effettivamente operativa la società a responsabilità limitata (srl) semplificata, prevista in alcuni recenti provvedimenti legislativi varati dall’Esecutivo.

Un fisco più soft,
con un'imposta forfettaria unica a doppia
aliquota
(23% e 33%), sostitutiva di tutte le forme di prelievo sulle
imprese, incluse Ires e Irap. E un fondo
di garanzia speciale per l'accesso al credito,
alimentato subito con una
quota dei 10 miliardi di euro indicati dal Governo come primo frutto del nuovo
piano di privatizzazioni e dismissioni immobiliari. Sono le due richieste per
gli imprenditori under 40 contenute
nel documento reso noto dai Giovani di Unimpresa.
Gli interventi proposti mirano a rafforzare e rendere effettivamente operativa
la società a responsabilità limitata (srl) semplificata, prevista in alcuni
recenti provvedimenti legislativi varati dall'Esecutivo.

Secondo Unimpresa le due misure dovrebbero essere inserite “in corsa” al decreto d'urgenza sullo sviluppo e sulla
crescita
, approvato a giugno dall'Esecutivo e ora all'esame del Parlamento.
Obiettivo è creare i presupposti necessari affinché gli imprenditori under 40
abbiano le condizioni per far nascere e crescere attività e progetti
importanti, capaci di ridare impulsi e stimoli all'intera economia italiana.

La richiesta dell'organizzazione
si fonda sui timori derivanti dalla crisi finanziaria internazionale che sta
mettendo in difficoltà i grandi gruppi industriali e rende nei fatti impossibile
la creazione di nuove realtà imprenditoriali, specie guidate da giovani. Sui
quali, a giudizio dell'Organizzazione, il Paese deve scommettere come fattore
chiave per la ripresa: “il ciclo economico può ripartire da nuove idee”, si
legge nel documento spedito a palazzo Chigi.

Unimpresa ha individuato nell'eccessiva pressione fiscale e nei cronici problemi di accesso ai
finanziamenti delle banche i due principali ostacoli all'attività
imprenditoriale
E secondo l'Organizzazione, la “srl semplificata” finora uno strumento
inutilizzabile, potrebbe uscire dal limbo e trovare lo slancio definitivo. Il
“forfettone” tributario potrebbe essere applicato per i primi cinque anni di
vita delle nuove imprese e servirebbe ad assicurare sia un prelievo contenuto
sia la certezza sul piano della programmazione economico-finanziaria delle
imprese.

La prima aliquota al 23% sarebbe applicata agli utili d'impresa fino a
100.000 euro; oltre tale soglia scatterebbe l'aliquota al 33%. Quanto al
credito, la creazione di un fondo ad hoc
servirebbe a superare il limite rappresentato dal capitale di 1 euro previsto
per la “srl semplificata”: una previsione utile per agevolare la nascita di
nuove imprese ma che si traduce nell'assenza di garanzie per la richiesta di
finanziamenti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here