Erp & Co. Cosa scelgono le aziende italiane?

Secondo Sirmi, sia che si tratti di applicazioni per la gestione dell’azienda o per l’e-business, la loro diffusione continuerà a dipendere dall’offerta dei fornitori


Analizzando l'utilizzo delle tecnologie Ip presso un campione
rappresentativo di imprese italiane, la società di ricerca Sirmi ha indagato la
diffusione delle applicazioni Erp, e non solo di quelle, sul nostro
mercato. Sebbene il 97% delle 400 imprese attive nei comparti
Industria, Finanza, Distribuzione e Servizi abbia dichiarato di essere collegato
a Internet, le finalità risultano ancora scarsamente strategiche. L'utilizzo della posta
elettronica e la navigazione su Internet a scopo informativo sono
infatti i principali impieghi della Rete. Intranet ed extranet, per di più,
sono ancora scarsamente diffuse. Nonostante almeno il 15% del campione dichiari di possedere
soluzioni Erp, la diffusione di applicazioni che vanno "oltre l'Erp" è ancora
molto limitata. Se le soluzioni di Data warehouse sono infatti diffuse nell'8,9%
dei casi, solamente lo 0,6% fa ricorso ad applicazioni per il Supply chain
management. Le applicazioni Crm, dedicate alla gestione dei rapporti con i
clienti, registrano invece una diffusione pari all'1,5%, mentre quelle di Sales
force automation superano, con il loro 3,1%,  sia quelle Scm, sia quelle
Crm.
Ancora una volta, i maggiori fattori frenanti la diffusione delle
soluzioni standard per l'automazione d'impresa, sono gli alti costi di licenza e
d'implementazione. Una soluzione, a tale proposito, potrebbe essere la
distribuzione di tali applicazioni tramite il modello Asp che prevede
l'"affitto" delle soluzioni. Quel che è certo è che, per incrementare la
diffusione delle soluzioni dedicate all'impresa l'offerta dei fornitori dovrà
adeguarsi alle reali esigenze delle singole tipologie di azienda. Parola di
Sirmi.


 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here