EdiSoftware – Pay per use e cloud nel futuro

Stefano Peghini, direttore marketing & commerciale

Nell'ultimo decennio abbiamo assistito a una diffusione esponenziale della connettività e dell'uso della rete. Di pari passo il concetto di azienda estesa si è fatto largo e si sono diffusi i sistemi di Crm e gli strumenti per la condivisione delle informazioni, anche via Web. In EdiSoftware abbiamo tenuto il passo, prima con Info.net, un portale Web che permette di essere always on e poi con il Customer relationship management integrato ai gestionali.

La recente normativa relativa alla fatturazione elettronica e alla conservazione sostitutiva poi, ha spalancato le porte al business del documentale. Non da ultima la particolare situazione economica ha portato le aziende ad attuare politiche di performance management, con particolare attenzione al taglio dei costi.

In questo senso, gli strumenti di Business intelligence l'hanno fatta da padrone, ma i gestionali non sono stati a guardare. Chi ha saputo mettere a disposizione degli utenti procedure per il monitoraggio dei processi, volte a un costante controllo sui dati di business, ha di certo riscontrato il favore dei clienti. In questo senso, i nostri gestionali intelligenti, ondaiQ e oceanoiQ, pensati quando ancora di crisi non si parlava, hanno goduto di perfetto tempismo, perché si pongono come assistenti personali che supportano nel concreto i processi decisionali delle varie funzioni aziendali.

La contingenza ha avuto effetti anche sulle capacità di investimento delle Pmi. Abbiamo assistito alla nascita del software pay per use, proprio per abbattere l'investimento iniziale a favore di un meccanismo di pagamento dilazionato nel tempo. Anche in questo caso, dal canto nostro, abbiamo contemplato una forma di contratto Lta (Licenza temporanea annuale) per i nostri nuovi prodotti.

Per quanto riguarda il futuro, ipotizziamo un rafforzamento del concetto del pay per use, dove i nostri dati saranno da qualche parte nelle nuvole, facilmente accessibili da ovunque, abbandonando il concetto del pacchettizzato a favore del Saas.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here