DivX Stash riordina i video scaricati dal Web

Con il nuovo servizio, Rovi offre l’opportunità di creare una collezione personalizzata e organizzata di video provenienti da Internet, che possono poi essere visti sia sul computer sia sui dispositivi mobili.

Rendere più semplice
l'archiviazione, l'organizzazione e la visualizzazione dei video scaricati dal
Web sui dispositivi mobili (iOS e Android) e sui computer (Safari, Chrome e
Firefox). Questo è quanto promette Rovi con il nuovo servizio DivX Stash, reso disponibie al
grande pubblico dopo un fase di beta test.

Se da una parte c'è il desiderio
dell'azienda di sfruttare tale servizio per spingere nuovi utenti verso il
formato DivX, dall'altra è innegabile il fatto che l'utilizzo di video in
Internet sta crescendo vertiginosamente: secondo l'annuale indice Visual
Newtworking di Cisco, dovrebbe raggiungere il miliardo e mezzo entro il 2016 e
lo stesso anno il traffico video dovrebbe pesare per il 54% su tutto il traffico
generato dagli utenti consumer. Questa previsione è basata sul numero crescente
di connessioni a livello globale e sulla proliferazione di apparecchi connessi
alla rete come smartphone, tablet e smart TV.

In questo panorama, DivX Stash non
può che essere il benvenuto visto che, come precisa Rovio, “è stato ideato per ovviare al disordine dei filmati
presenti su Internet e rendere l'esperienza video online molto più
personalizzata e semplice, permettendo di creare playlist da rivedere ovunque si
desideri
”.

Da sottolineare che DivX Stash supporta
molti dei più noti siti dedicati ai video, come YouTube, Vimeo, Daily Motion e
TED Talks, e suggerisce agli utenti i link dove trovare i contenuti preferiti,
per poi organizzarli in modo ordinato e poterli vedere su computer, tablet e
smartphone. Gli utenti possono anche visualizzare video postati sulla loro
bacheca di Facebook e aggiungerli a DivX Stash in modo veloce e semplice.

Rovi ha anticipato che durante
il 2013 DivX Stash vedrà una serie di miglioramenti, attraverso all'aggiunta di
nuove caratteristiche.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here