Digital torna alle reti con due alleanze

Una doppia alleanza nelle reti per Digital, dopo che la società statunitense ha venduto la divisione networking a Cabletron e ora che appartiene ufficialmente a Compaq (rimane solo la scontata l’approvazione da parte delle assemblee degli azioni …

Una doppia alleanza nelle reti per Digital, dopo che la società
statunitense ha venduto la divisione networking a Cabletron e ora che
appartiene ufficialmente a Compaq (rimane solo la scontata l'approvazione
da parte delle assemblee degli azionisti).
Gli accordi in questione sono stati siglati rispettivamente con Alteon
Networks e con VocalTec.
Il primo riguarda la divisione che produce gli Alpha Server ed è relativo
alla distribuzione da parte di quest'ultima delle interfacce di rete di
Alteon. Start up specialista del Gigabit Ethernet, Alteon ha messo a punto
delle schede appositamente studiate per accelerare la velocità dei
collegamenti tra i server nei Ced delle imprese. Tali schede utilizzano una
tecnologia che supporta le cosiddette "jumbo frame" (che possono arrivare a
9.000 byte). Al momento, l'implementazione di Alteon è disponibile sotto
Windows Nt 4.0 (avrebbe anche suscitato l'interesse di Microsoft - ndr).
La prima interfaccia che verrà offerta da Digital sarà distribuita con i
l
nome di Digital EtherWorks 1000/Pci e sarà certificata per l'impiego
all'interno dei server della serie Alpha di Digital, siglati 8400, 4100,
1200 e 800.
Il trucco c'è. La tecnologia è, infatti, proprietaria e per funzionare c
on
le jumbo frame, i server devono essere collegati agli switch Gigabit
Ethernet di Alteon che pure supportano questa tecnologia.
Il secondo accordo siglato da Digital è relativo al mondo Ip e
all'emergente tema della convergenza tra reti voce e dati. L'israeliana
VocalTec, infatti, è nota per le proprie soluzioni di telefonia su
Internet. In base all'accordo Dec rivenderà e distribuirà la VocalTec
Ensemble Architecture e, soprattutto, progetterà, realizzerà e manuter
à
sistemi di telefonia Ip, supportando i clienti nell'integrazione voce-dati.
L'accordo premia la soluzione della società israeliana che si trova ad
avere una copertura del mercato impensabile per un'azienda di 300 persone.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here