Da Intel tecnologia e supporto commerciale agli Oem

Steve Dallman, general manager of the worldwide reseller channel organization, evidenzia gli spazi di business a disposizione dei system builder, confermando l’impegno in formazione e marketing

È un messaggio positivo quello lanciato da Steve Dallman, Intel vice president of sales and marketing group and general manager of the worldwide reseller channel organization, al canale dei system builder italiani.

«Le difficoltà del mercato, soprattutto per quanto riguarda il segmento enterprise, sono innegabili - esordisce il manager - tuttavia c'è spazio per continuare a fare ancora business. Sulle nuove tecnologie l'Emea, e l'Italia più di altri Paesi, sta mostrando, per esempio, di muoversi con grande interesse. Il segmento dei gamer, in particolare, si conferma uno dei più attivi, un'opportunità di business che il rilascio di Lynnfield punta a intercettare, consentendo anche la realizzazione di sistemi più economici da parte degli Oem. Un altro ambito in forte crescita, soprattutto in Emea, è rappresentato dai device Ssd, la cui metà dei volumi è attualmente veicolata proprio dal canale».

Flessibilità del modello di business e prossimità territoriale si confermano per Dallman due vantaggi competitivi strategici per i system builder locali, che possono sfruttare l'atout relazionale per trasformarsi in indispensabili solution provider. «Per sostenere il business - continua Dallman - è, però, importante che gli Oem creino relazioni forti anche con gli Odm, soprattutto per emergere in segmenti ritenuti da sempre appannaggio delle grandi multinazionali, come la mobility, per esempio, un settore oggi animato da una forte e attiva partecipazione dei system builder locali all'offerta netbook. Il design e il firmware di questi ultimi sono, infatti, così semplici da ridurre i costi di produzione e far entrare nel business anche i piccoli Oem».

Ma Intel non intende sviluppare le partnership con i system builder locali limitandosi alla sola fornitura tecnologica. «Nonostante la congiuntura economica - conclude Dallman - abbiamo confermato tutti gli investimenti nelle attività di formazione al canale e tutti gli eventi dedicati, come Iss, Idf e le Intel channel conference, potenziando il supporto commerciale con nuove risorse di marketing e l'ampliamento a nuove geografie del Premier locator tool, il Webtool che segnala i lead».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome