Csi Piemonte: dagli open data nuove App per imprese e cittadini

Csi_Piemonte_DeCapitani
Finanziamenti –

Si chiama Open-Dai e sarà finanziato dall’Ue per 1,65 milioni di euro il progetto in chiave cloud messo a punto dal consorzio italiano con un parternariato in cui sono coinvolte 11 realtà pubbliche provenienti anche da Spagna, Turchia e Svezia.

Ha come obiettivo il miglioramento dell’efficienza nella Pubblica amministrazione il progetto europeo Open-Dai presentato da Csi Piemonte nell’ambito dell’“Ict Policy Support Programme” contenuto nel Call 2011 del “Competitiveness and Innovation Framework Programme”.

Finanziato per 1,65 milioni di euro dall’Unione europea al quale è stato presentato, quello messo a punto dal Consorzio piemontese è un progetto per rendere disponibili servizi pubblici digitali realizzati su piattaforme di cloud computing installate in due differenti nodi: uno in Italia, l’altro in Turchia.

Non a caso, tra le 11 realtà pubbliche coinvolte nel partenariato presentato in sede europea da Csi Piemonte per un progetto del valore superiore ai 3 milioni e 200mila euro, si annoverano anche le spagnole Barcelona Digital Technology Centre, l’Institut Municipal d’Informàtica de Barcelona, l’Ayuntamiento de Lleida, le svedesi NetPort Karlshamn, il Karlshamn kommun e le turche Sampas Information and Communication Systems e Ordu Municipality.

«A contare – per Stefano De Capitani (nella foto), general director di Csi Piemonte – sono stati i riconoscimenti ottenuti dai patner pubblici coinvolti e con i quali ci apprestiamo a lavorare per la prima volta per realizzare una serie di accessi facilitati per cittadini, imprese e professionisti a dati, informazioni e servizi con la Pubblica amministrazione».

A dare man forte al progetto, dall’Italia, ci penseranno Regione Piemonte, Politecnico di Torino e Digitpa, che De Capitani ricorda essere l’ente nazionale per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione di casa nostra che, insieme alla “squadra” messa a punto, avrà il compito «di lavorare, a partire dagli open data, per creare nuove applicazioni e servizi rivolti a imprese e cittadini».

Nel ruolo di coordinatore del progetto di Opening Data Architectures and Infrastructures of European Public Administrations, da qui all’autunno del 2014, Csi Piemonte si propone di realizzare una piattaforma per l’esposizione di dati pubblici mediante l’utilizzo di architetture “service oriented”, volta a semplificare l’utilizzo delle informazioni attraverso la realizzazione di nuove applicazioni e servizi a valore aggiunto.

Secondo la roadmap presentata, sotto forma di App, i nuovi servizi saranno anche orientati all’uso su dispositivi mobili e smartphone sia Android che per iPhone, e riguarderanno settori quali trasporti e infomobilità nonché servizi di localizzazione, informazioni turistiche, mappe cittadine, servizi pubblici di diverso tipo e molto altro ancora.

Come ogni progetto “open” che si rispetti, anche per quello presentato in sede europea, è prevista l’apertura a partner privati che, utilizzando la piattaforma, potranno contribuire ad arricchire l’offerta pubblica proponendo servizi al cittadino e aprendo così nuovi sbocchi sul mercato.

Pubblica i tuoi pensieri