Come proteggersi da email indesiderate

Non sono poche ma sono semplici le regole dettate dal fornitore italiano di soluzioni antispam ed email security Libraesva che, di fronte a mailbox quotidianamente sotto l’assedio di comunicazioni indesiderate, propone un vademecum al passo con l’evolversi delle competenze degli hacker.
Non senza ricordare che le aziende possono garantire la sicurezza dei dati trasmessi via email dotandosi di motori capaci di identificare la tipologia di ogni singolo messaggio o file, di sottoporlo ad un’analisi accurata, e di applicarvi la tecnica più opportuna per assicurare la massima protezione.

1Aggiornare periodicamente le password

È buona prassi aggiornate periodicamente le proprie password di accesso ai vari siti e servizi online cambiando spesso e rafforzando le proprie credenziali online.

2Occhio all’indirizzo del mittente

È sempre bene fare attenzione a come è scritto l’indirizzo email dei mittenti: spesso quello di un hacker contiene nomi a noi familiari ma modificati in una piccola parte, nel dominio ad esempio un .it al posto di un .com, o nella aggiunta o sottrazione di un elemento, come il punto tra nome e il cognome.

3L’oggetto dell’email “suona” strano?

È possibile identificare le minacce prima di aprire il messaggio leggendo l’oggetto dell’email. Spesso, infatti, vi si trovano simboli poco in uso nelle comunicazioni standard e ripetuti come combinazioni, tipo && - #% - $°, accompagnate da testo contenente una serie di errori grammaticali.

4Anche il corpo della mail va guardato con attenzione

È decisamente frequente che nel testo del corpo di una email infetta siano contenuti un carattere diverso da quello di default sul nostro pc, una firma non completa di tutte le informazioni e allegati compressi, come Zip o simili.

5Email in forma grafica, come smascherare i falsi

È opportuno sviluppare un occhio clinico per scorgere differenze anche minime quando a raggiungerci è un’email con del contenuto in forma grafica, sempre più di frequente proveniente dalla propria banca, dalle Poste Italiane o da enti e istituzioni generalmente note.

6Colori sbiaditi o in bassa risoluzione

Il carattere poco definito dell’email, la presenza di errori grammaticali o di punteggiatura, colori sbiaditi o pixelati quale indice di una bassa risoluzione della grafica impiegata nel messaggio di posta elettronica sono tutti elementi utili a farci ben distinguere l’originale dal falso, anche se proveniente dalla nostra banca di fiducia.

7Una telefonata preventiva non guasta

È sempre buona cura verificare telefonicamente con il proprio referente di fiducia se ha inviato una comunicazione all’indirizzo email dell’ufficio. Non bisogna mai trascurare il fatto che se il servizio è privato, o legato alla propria famiglia, le e-mail di lavoro non dovrebbero ricevere informazioni da questi mittenti.

8Attenzione ai link sospetti, specie se accorciati

I link accorciati, TinyURL sono oggi molto comuni e se creati da malfattori, possono contenere minacce anche gravi come virus e trojan: occorre, quindi, tenersi lontani da link sospetti, a maggior ragione se sono accorciati.

9Capita anche ai migliori

In caso di identità compromessa, rivolgersi al proprio team tecnico di fiducia o chiedere a società specializzate.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here