Basta colpi di sonno al volante grazie alla tecnologia

I colpi di sonno al volante sono molto pericolosi e le case automobilistiche stanno un po' tutte cercando di sviluppare sistemi per evitarli. Un'operazione non semplice, perché bisogna capire in anticipo quando il livello di sonnolenza del guidatore sta superando una data soglia, e allertarlo.

Panasonic ha collaborato con alcuni atenei giapponesi per arrivare a un sistema integrato che utilizza varie tecnologie di monitoraggio del conducente per valutare il rischio che il suo livello di stanchezza possa portare a colpi di sonno mentre è alla guida.

Il sistema si basa su una video/termo-camera integrata nel cruscotto che valuta le espressioni facciali di chi guida, la luminosità e la temperatura dell'abitacolo, il livello di sensazione termica del conducente.

Lo schema di funzionamento del sistema Panasonic

Il sistema di riconoscimento delle espressioni del viso adotta un algoritmo di machine learning capace di rilevare i segnali di uno stato di stanchezza accentuato.

L'algoritmo è anche in grado di correlare un migliaio di parametri fisiologici identificabili con una successione di livelli di sonnolenza. In questo modo, secondo la casa giapponese, si può stimare precisamente il livello di sonnolenza di chi guida anche prima che questi se ne renda conto.

Il sistema monitora anche i parametri ambientali dell'abitacolo dell'auto, partendo dal presupposto che la sonnolenza si sviluppa più frequentemente e rapidamente in un ambiente caldo con illuminazione soffusa. La rilevazione termina misura anche la perdita di calore del corpo di chi guida, perché è anch'essa collegata alla sonnolenza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here