C’è vita per il trade sul pianeta del Saas?

L’avvento della modalità di fruizione del software come se fosse un servizio costringe il canale a ripensare i propri ruoli Questa evoluzione coinvolge soprattutto i distributori che insieme ai vendor dovranno capire quale sarà domani il loro lavoro

Il software si sta sempre più smaterializzando e crescono i vendor che fanno offerte di software applicativo direttamente all’utilizzatore, sotto forma di servizio. Qualcosa di simile è successo con la musica e sta accadendo per il video. Una trasformazione innescata dallo sviluppo e dalla diffusione delle reti a larga banda e che è figlia dei concetti di utility computing e Application service provider (Asp) sviluppati dieci anni fa, approdati - dopo vari aggiustamenti di tiro - al Software as a service (Saas), ossia software come servizio, e ai servizi cloud.

Una mutazione che sembra andare incontro alla volontà di molti utenti di liberarsi dagli oneri della gestione dell’It e delle applicazioni, con impatti che appaiono via via crescenti sulla catena del valore del mercato informatico.

«Il mercato del software sta vivendo un periodo non troppo felice - spiega Alessandra Pinza, senior analyst di Netconsulting -. Questo è il primo anno in cui si registra un calo nel software applicativo, seguito a ruota dalle componenti middleware».
Una situazione che accompagna la caduta di investimenti presso aziende di vari settori. La domanda si concentra sulla razionalizzazione dell’esistente e sulle soluzioni meno invasive, con l’avanzata del Saas.

«Ho avuto incontri con aziende del settore farmaceutico che stanno pensando seriamente di applicare al loro interno concetti di cloud computing e Saas per ottenere risparmi in licenze e manutenzione nell’arco di vita delle applicazioni - precisa Pinza -.
Non possono farlo subito solo perché hanno dei contratti in essere che sono onerosi da rescindere».
Progetti all’apparenza avvenieristici e poco concreti, sono invece molto più vicini di quanto non si pensi. Lo sviluppo delle Saas accompagna altre tendenze che riguardano, per esempio, l’incorporazione degli strumenti di social software
- nati e cresciuti in rete - nel software applicativo di vendor come Sap e Oracle. C’è poi la maturazione dell’open source in alcune nicchie quali la gestione documentale e il Crm, anche qui “a braccetto” con le tecnologie del Web 2.0 per sfruttare tramite la rete la ricchezza della customer experience e garantire interfacce più intuitive.
L’utilità del canale
se sa offrire consulenza
Se a prima vista applicazioni più semplici da implementare fanno venire meno il ruolo del partner, dall’altra questo non si verifica poiché il canale è importante per portare, soprattutto alle Pmi, servizi che surrogano software che in passato non erano alla loro portata.
«I software vendor hanno inoltre strutture territoriali ridotte e usano molto il canale, dando ampie autonomie
», spiega Pinza.

Questo non fa, quindi, presagire un’estinzione a breve termine del canale. Cosa c’è da fare?
«Le Saas sono semplici, ma le aziende che vogliono usare questi strumenti non sono strutturate nel modo adatto - continua Pinza -. Serve un approccio consulenziale da parte del dealer. L’approccio tecnico deve lasciare spazio a quello di processo. Questo è particolarmente vero nelle revisioni dei parchi applicativi in ottica Soa (Service oriented architecture) per garantire soluzioni interoperabili. Una fase che è necessaria per avere successo nell’implementazione dei Web services».

Non tutti i vendor hanno abbracciato il modello diretto offerto dal Saas. Modello che può comportare rischi, soprattutto se non si è dotati della necessaria forza finanziaria, dei giusti partner o se sussitono problematiche di solvibilità a livello dei clienti. Per i piccoli system integrator e i dealer, il Saas può rappresentare una risorsa importante in periodi difficili. Possono, per esempio, lavorare sulle verticalizzazioni del servizio e vendere il risultato sul marketplace del vendor al mercato mondiale. È vero che i vendor preferiscono veicolare direttamente i servizi software, ma i tempi sono lunghi per il cambiamento.

«Alcune aziende hanno incontrato molta diffidenza e le Saas non hanno rimpiazzato il software tradizionale, bensì processi di nicchia “non core”. È indubbio, comunque, che si vada in questa direzione, come conferma la scelta Saas di una realtà italiana come Zucchetti» conclude Pinza.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here