Carta Viva Web per acquisti online sicuri e garantiti

Genera password numeriche temporanee da inserire nelle singole transazioni sul Web la carta di credito da 3mila euro al mese ideata da Compass che, in caso di frodi anche offline, promette rimborsi integrali entro 45 giorni dalla denuncia, e rimborsi anche rateali con commissione fissa dello 0,5%.

Si chiama Carta Viva Web e si appoggia su qualsiasi conto corrente, compreso BancoPosta, la risposta di Compass ai bisogni di sicurezza di chi acquista su Internet, come in negozio.

Del tutto simile a una comune carta di credito dotata di chip di nuova generazione e di un fido disponibile da 3mila euro al mese, la nuova nata in casa della società del Gruppo Bancario Mediobanca, entrata a pieno titolo nel consorzio dell'e-commerce italiano Netcomm come la prima società di credito al consumo, nasconde al suo interno la vera innovazione che promette di rivoluzionare gli acquisti online che, dati dell'Osservatorio B2c del Politecnico di Milano alla mano, vedono ormai coinvolti oltre 9 milioni di italiani.

Un'innovazione che si palesa sul retro della carta, dove una tastierina numerica si accompagna a un display sul quale, grazie alla presenza di un secondo microchip e di una batteria di lunga durata completamente riciclabile all'interno della carta, è possibile generare, di volta in volta, password numeriche temporanee adatte a effettuare ogni singolo pagamento sui siti Internet certificati Verified by Visa.

Ma non solo.
«Tra i benefit di Carta Viva Web - spiega Roberto Ferrari, direttore centrale marketing & partnership di Compass - c'è anche un livello di servizio garantito che, in caso di transazioni fraudolente, perpetrate sia offline che online, prevede il riaccreditato integrale dell'importo transato entro 45 giorni dalla denuncia da parte dell'utente».

Ideata da una realtà che ha nei prestiti al consumo il proprio core business, nella carta a saldo non revolving ideata da Compass non poteva, poi, mancare la possibilità, per gli utenti, di scegliere la modalità di rimborso più adatta alle singole esigenze, rateizzabile eventualmente a 6 o a 12 mesi «con una commissione fissa sul transato dello 0,5%» che Ferrari assicura non crescerà anche qualora l'importo massimo mensile a disposizione degli utenti dovesse aumentare fino a 5mila euro, come nei piani futuri espressi dalla società.

Proposta a un costo annuale di 40 euro, che per il primo anno si dimezza per chi è già cliente Compass, Carta Viva Web è acquistabile presso qualsiasi delle 147 filiali Compass presenti sul territorio, come pure sul sito Internet www.cartavivaweb.it.

Inoltre, la generazione di Otp, ossia One time password, consente all'utente di accedere online a un'area riservata evoluta messa a punto sull'apposito sito Compass all'interno della quale, oltre alle consuete informazioni relative ai movimenti mensili e alla visualizzazione degli estratti conto a cui l'home banking ci ha ormai abituati, sarà possibile effettuare una serie di operazioni dispositive.

Vale a dire modificare la propria anagrafica, attivare il servizio Sms per la comunicazione tempestiva in merito all'utilizzo della carta, optare per l'eventuale rimborso rateale ma anche informarsi con il simulatore finanziario per capire l'incidenza di un acquisto sulla propria disponibilità.

Tra la fine di questo mese e l'inizio di dicembre le medesime funzioni saranno utilizzabili anche attraverso smartphone grazie all'apposita App messa a punto per dispositivi iOs e Android.

Neanche troppo celata, la speranza non solo di Roberto Liscia, presidente del già citato Netcomm, è che strumenti come questo aiutino «quei 25 milioni di italiani che oggi si informano su Internet prima di effettuare un acquisto online» che, però, nel cyberspazio, «per 16 milioni di individui non si traduce in una transazione e-commerce vera e propria soprattutto per mancanza di strumenti come Carta Viva Web, utili a mettere in campo una maggiore sicurezza, non solo percepita ma anche oggettiva».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here