Amd al Cebit promuove Hyper Transport

La società ha reso noto che a breve i membri del consorzio che sostiene la tecnologia aumenteranno di 30 unità, arrivando così a 72. Intel prosegue decisa nel supporto di 3Gio, che però, secondo Amd sarebbe complementare a Hyper Transport.

Quale migliore occasione del Cebit per riproporre l'iniziativa inerente il
consorzio Hyper Transport? Amd non si è ovviamente lasciata sfuggire la ghiotta
opportunità. E così, attraverso Gabriele Sartori, presidente del consorzio e
direttore del technolgy evangelism presso Advanced Micro Devices, ha fatto
sapere che entro breve il numero dei membri salirà a 72. Altre 30 aziende stanno
infatti per completare la trafila burocratica per entrare a far parte del
consorzio: si tratta di una procedura piuttosto lunga per il fatto che le
società si accertano minuziosamente che le regole royalty-free imposte dal
consorzio stesso non vadano a ripercuotersi negativamente sul proprio
business.


Hyper Transport, lo ricordiamo, è un'iniziativa su cui Amd sta lavorando dal
1997 ed è volta a dar vita a un sistema di collegamenti di I/O point-to-point ad
alta velocità il cui scopo è quello di limitare il numero di bus all'interno un
computer. Uno degli obiettivi del progetto Hyper Transport è quello di
consentire a chip realizzati da produttori differenti di poter colloquiare tra
loro senza alcun problema di compatibilità, con il conseguente vantaggio per gli
Oem di poter  differenziare i propri dispositivi senza, per usare le parole
di Sartori, "doversi basare su specifiche imposte da chipset proprietari". Il
consorzio è nato lo scorso anno ed è stato fondato da Amd e da altre sette
aziende con lo scopo di promuovere e sostenere la tecnologia Hyper
Transport.


Dal canto suo, Intel sta proseguendo per la strada che la vede indirizzata
verso il supporto e la promozione della sua tecnologia 3Gio (I/O di terza
generazione). Tuttavia, sempre secondo Sartori, la via intrapresa da Intel non
si raffigura come diretta rivale di Hyper Transport, piuttosto le due tecnologie
sembrano essere complementari.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here