<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Business Wire Wikifarmer democratizza il commercio agricolo. In poche parole, permette agli agricoltori di...

Wikifarmer democratizza il commercio agricolo. In poche parole, permette agli agricoltori di vendere direttamente alle aziende con margini più elevati e li informa sulle moderne tecniche agricole

  • Wikifarmer ha raccolto un finanziamento di 5 milioni di euro, con Point 9 società di venture capital leader in Europa
  • La missione di Wikifarmer è quella di democratizzare l’agricoltura creando il principale mercato B2B per i prodotti agricoli in Europa e diventare la principale fonte di conoscenza agricola gratuita
  • La raccolta di fondi consentirà alla startup di assumere nuovi talenti, di espandersi in Europa, di potenziare la propria biblioteca di contenuti e di lanciare funzionalità di prodotto innovative

ATENE, Grecia–(BUSINESS WIRE)–Wikifarmer, il mercato agricolo diretto per gli agricoltori – descritto come la “Wikipedia dell’agricoltura” – ha raccolto 5 milioni di euro in un finanziamento guidato da Point Nine.


La startup con sede ad Atene utilizzerà il finanziamento per espandersi in tutta Europa e per arricchire la propria biblioteca di contenuti. Migliorerà ulteriormente la sua piattaforma per digitalizzare completamente le transazioni end-to-end e offrire soluzioni finanziarie e logistiche innovative sia agli acquirenti sia ai venditori.

Nel complesso, Wikifarmer è un ecosistema che supporta gli agricoltori dall’inizio alla fine. Consente loro di informarsi, di vendere e di semplificare la propria attività commerciale.

Per quanto riguarda l’offerta, gli agricoltori ottengono il giusto ritorno: producono in modo più efficiente, vendono direttamente e aumentano la loro redditività fino al 300%. Una maggiore redditività per gli agricoltori significa maggiori investimenti nelle loro capacità produttive, maggiore occupazione e un’agricoltura più sostenibile.

Per quanto riguarda la domanda, Wikifarmer si propone come assistente agli acquisti per gli acquirenti B2B, come grossisti, grandi catene di hotel/ristoranti o aziende di trasformazione degli alimenti. Fornisce un approvvigionamento di prodotti agricoli senza problemi, aiuta le parti a negoziare i prezzi in modo efficiente online, offre supporto logistico, garantisce la sicurezza e la trasparenza delle transazioni e consente di ottenere termini di pagamento a 60-90 giorni.

E dopo?

“La nostra visione è quella di ristrutturare la catena di approvvigionamento, digitalizzare i processi e infine generare più valore per tutte le parti coinvolte. Questo round di finanziamento ci permetterà di accelerare lo sviluppo del nostro prodotto per coprire le transazioni agricole a 360°”, spiega il cofondatore e CEO di Wikifarmer, Ilias Sousis.

Petros Sagos, cofondatore e Chief Science Officer, conclude: “Soprattutto, speriamo che questo finanziamento ci permetta di realizzare la nostra visione di lunga data: democratizzare l’agricoltura; sostenere gli agricoltori aiutandoli a modernizzare le loro tecniche, a vendere i loro prodotti e a ottenere il giusto guadagno”.

Point 9 è una società di venture capital specializzata in SaaS e mercati B2B che ha investito in Revolut, Delivery Hero, Docplanner e cargo.one e che vanta uno dei più alti tassi di “seed-to-winner” del settore.

Il round è stato integrato da importanti Business Angels (i fondatori di cargo.one, Nikos Moraitakis – co-fondatore/ CEO di Workable, Przemyslaw Budkowski – CEO di Merxu, Cihan Aksakal – fondatore di Zenjob, Louis Pfizner – fondatore di Caya.com e Treatwell), nonché da investitori precedenti tra cui il principale VC greco Metavallon, oltre ad investitori come Sophia Bendz.

“Point Nine è sempre stata entusiasta dei marketplace B2B che portano online settori prevalentemente tradizionali e negli ultimi 5 anni ne abbiamo sostenuti circa 1-2 all’anno: REKKI (ristoranti) nel 2016, Laserhub (componenti in metallo) nel 2017, cargo.one (trasporto merci per via aerea) nel 2018, MerXu (prodotti industriali) nel 2019, Rooser (prodotti ittici) nel 2020, e ora Wikifarmer. L’industria alimentare è gigantesca e presenta una serie di sfide proprie, ma siamo rimasti colpiti dall’approccio unico di Ilias e Peter alla digitalizzazione del settore. Siamo entusiasti di svolgere un piccolo ruolo nel loro successo a lungo termine”, afferma Louis Coppey, partner di Point Nine.

Il settore e il contesto

Oltre a essere il primo datore di lavoro al mondo [1], l’industria agroalimentare genera un fatturato complessivo di 1,2 trilioni di euro solo in Europa [2] e ha un forte impatto sulla vita quotidiana di ogni singolo abitante del pianeta. Eppure, un numero significativo di agricoltori non ha ancora accesso alle migliori pratiche agricole moderne e questo rimane uno dei settori meno digitalizzati. La pandemia, lo scoppio della guerra in Ucraina, i cambiamenti climatici, le previsioni di crescita della popolazione e la scarsità di risorse naturali hanno avuto un forte impatto sulla catena di approvvigionamento e, in ultima analisi, sul cibo nei nostri piatti. Gli ultimi anni sono stati impegnativi per il settore agroalimentare, con un aumento della domanda di sicurezza alimentare e di soluzioni sostenibili. Wikifarmer risponde alla necessità di nuove tecnologie e idee che hanno il potenziale di rimodellare l’agricoltura, e questo si riflette nella crescita della startup.

Il prodotto

Wikifarmer è un ecosistema di contenuti e prodotti agricoli che promuove una catena del valore più equa, trasparente e sostenibile nell’industria alimentare. Con Wikifarmer, gli agricoltori possono vendere i loro prodotti a più acquirenti, ottenere un prezzo migliore, monitorare i prezzi di mercato e accedere ai mercati internazionali. La startup offre anche pagamenti istantanei agli agricoltori e li aiuta con la logistica e il finanziamento, consentendo loro di aumentare la redditività sul mercato di Wikifarmer. Allo stesso tempo, mette a loro disposizione un’ampia raccolta di buone pratiche agricole e di guide pratiche, che sono state tradotte in 16 lingue e sono liberamente accessibili sulla biblioteca di Wikifarmer.

Sulla piattaforma, gli agricoltori possono utilizzare la biblioteca di Wikifarmer per aggiornare le loro tecniche, al fine di migliorare la qualità dei loro prodotti e aumentare la loro efficienza. Poi, possono caricare i loro prodotti sul Market di Wikifarmer e vendere direttamente ad acquirenti di tutto il mondo.

La storia dietro la startup

Tornando al punto in cui tutto è iniziato, il rapporto tra i fondatori è proprio una metafora della missione di Wikifarmer: dove la digitalizzazione incontra la scienza agricola. L’amministratore delegato Ilias Sousis, ex-Googler senior per 11 anni, e il responsabile scientifico Petros Sagos, agronomo affermato, sono migliori amici fin dalle scuole elementari. “Abbiamo avviato Wikifarmer perché pensavamo che le cose dovessero essere fatte in modo diverso”, spiegano.

Oggi Wikifarmer si avvicina a 1 milione di visitatori unici al mese. Ha permesso a migliaia di aziende di ridurre i costi fino al 30%, consentendo agli agricoltori di vendere i loro prodotti senza intermediari, aumentando la loro clientela potenziale, riducendo gli sprechi e triplicando la loro redditività. La biblioteca di Wikifarmer è stata riconosciuta dalle Nazioni Unite come la “Wikipedia dell’agricoltura” ed è ora tradotta in 16 lingue.

A proposito di Wikifarmer

Wikifarmer è una piattaforma globale con la missione di rafforzare gli agricoltori attraverso la formazione e l’accesso diretto ai mercati commerciali per vendere i loro prodotti a prezzi equi.

A proposito di Point 9

Fondata nel 2011, Point Nine è una società europea di venture capital early-stage focalizzata sulle start-up di mercati B2B in Europa e Nord America. L’azienda è un investitore iniziale in più di 150 aziende in oltre 30 Paesi, tra cui Algolia, Brainly, Chainalysis, Clio, Contentful, Delivery Hero, DocPlanner, Front, Loom, Mambu, Revolut, Sqreen, Typeform e Westwing. Point Nine ha uno dei più alti tassi di “seed-to-winner” del settore.

A proposito di Metavallon

Metavallon VC è specializzata nel finanziamento in fase preliminare e di avviamento di aziende tecnologiche innovative. L’azienda investe e lavora al fianco di imprenditori ambiziosi, aiutandoli a costruire imprese innovative in diverse fasi, aree geografiche e settori. La missione di Metavallon VC è quella di impegnarsi in una fase molto precoce e di investire in aziende che opereranno all’avanguardia nell’innovazione tecnologica e commerciale.

[1] United Nations, 2017
[2] https://www.opendei.eu/agri-food-sector/

Contacts

Ms Persa Sakellaridi

persa@wikifarmer.com
+30 695 519 2779

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php