Per la prima volta un non giapponese alla guida di Sony

Terremoto ai vertici dell’azienda. Il nuovo Ceo è Stringer, già a capo delle operation americane.

L'annus horribilis di Sony si chiude con un vero e proprio
terremoto ai vertici.
Via Nobuyuki Idei, finora Ceo della
società, dentro Howard Stringer, britannico di nascita e
presidente delle operation americane.
Cambio in corsa e con efficacia
immediata, dopo quella che le cronache definiscono riunione di emergenza.

La palla è ora in mano a Stringer ed è a lui che spetta il compito
di riportare l'azienda all'efficienza.
Dell'operato di Stringer, di fatto il
primo Ceo non giapponese dell'azienda, convince la capacità di generare
efficienze cross-company, senza per questo penalizzare la qualità.
E del
resto l'impegno assunto da Stringer è proprio quello di implementare su tutta
l'azienda il modello già testato sul mercato americano.
Oltre a Idei, che
resta in azienda nel ruolo di consulente, lascia la sua posizione anche il
presidente Kunitake Ando, anch'egli passato alla
consulenza.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here