Microsoft: una via d’uscita comune contro la censura

La società prende impegni precisi per Msn Spaces e, con Google e Yahoo, chiede aiuto al governo Usa per trovare una strategia di azione comune.

Non ci sono solo discussioni accademiche in relazioni ai temi della
censura.
Sembra arrivato il momento di alcune prese di posizione precise, da
parte delle aziende maggiormente coinvolte con le loro attività e con i loro
servizi.

Microsoft, ad esempio,  ha dichiarato di aver fissato
un insieme di linee guida per la rimozione di contenuti non ammessi all'interno
di Msn Spaces, il servizio messo a dipsosizione degli utenti di Msn per la
creazione dei loro blog.
Microsoft ha reso pubblica la sua posizione in
materia nel corso di un incontro tra alcuni rappresentanti governativi tenutosi
a Lisbona.
Un incontro arrivato dopo le recenti censure da parte di Google
sui risultati delle ricerche operate attraverso la sua versione cinese.

Microsoft collaborerà con i vari governi eliminando dal servizio MSN Spaces
tutti i contenuti che dovessero violare le leggi locali di uno specifico Paese.

Qualora del materiale pubblicato su MSN Spaces dovesse violare i termini
della licenza d'uso del servizio, Microsoft lo eliminerà in modo autonomo; per
quanto riguarda la violazione di leggi locali, l'azienda dovrà ricevere un
documento legale da parte del Paese interessato.

A Microsoft si sono poi
affiancate Google e Yahoo, chiedendo aiuto al Governo statunitense per cercare
una via d'uscita comune in tutti i paesi  in cui la censura è legge e
blocca la libera ciroclazione delle informazioni.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here