Home Apple macOS Monterey, è disponibile il nuovo sistema operativo del Mac

macOS Monterey, è disponibile il nuovo sistema operativo del Mac

Dopo un intenso periodo beta e anticipato dall’uscita dei nuovi MacBook Pro, arriva ora il momento di macOS Monterey, rilascio ufficiale della nuova versione del sistema operativo del Mac.

Molte delle nuove funzioni sono allineate, o si integrano, con le corrispettive funzionalità introdotte da Apple negli ultimi aggiornamenti per iOS e iPadOS.

Ad esempio la funzione Full immersion, dopo il suo debutto su iPhone e iPad, sbarca anche sul Mac. Essa serve per filtrare le notifiche dalle app e dai contatti in base all’attività su cui l’utente desidera o ha bisogno di concentrarsi in quel momento.

macOS Monterey

L’integrazione cross-device fa sì che, quando l’utente configura Full immersion su Mac, la funzione viene configurata in automatico anche sugli altri dispositivi Apple. Quando Full immersion è attivo, in Messaggi e nelle app supportate appare automaticamente uno stato per informare le altre persone che l’utente non desidera distrazioni.

Un altro ambito in cui Apple ha apportato miglioramenti su iPhone e iPad, e ora anche su Mac, è quello relativo all’app Note.

Anche Note in macOS Monterey offre ora nuove opzioni per collaborare, organizzarsi, essere più produttivi e creare note ovunque ci si trovi.

Nota rapida consente di prendere appunti al volo in qualsiasi app, senza dover essere per forza all’interno dell’app Note, per catturare facilmente pensieri e idee in qualsiasi momento. In una Nota rapida si possono inoltre aggiungere link da altre app, ad esempio per ricordarsi un sito web in Safari o per trovare rapidamente un indirizzo in Mappe.

macOS Monterey

Grazie ai nuovi strumenti per la collaborazione si possono aggiungere menzioni, oltre a visualizzare gli aggiornamenti di una nota condivisa nella nuova vista Attività. Tenere tutto in ordine è più facile in macOS Monterey con i tag, un modo rapido e intuitivo di assegnare categorie alle note e ritrovarle al volo nel nuovo browser dei tag.

C’è poi un Safari rinnovato, di cui – anche in questo caso – abbiamo già avuto un’anteprima non solo su iPhone e iPad, ma anche sul Mac.

E debuttano sul Mac i Comandi rapidi, che aiutano gli utenti a incrementare la produttività nelle app più usate.

macOS Monterey

Grazie alla ricca galleria di Comandi rapidi diventa facile automatizzare le attività di tutti i giorni, come ad esempio aprire le app usate più di frequente oppure aggiungere un promemoria. E con l’editor è possibile personalizzare i Comandi rapidi in base alle proprie esigenze.

Con Comandi rapidi integrati in macOS Monterey, inclusi barra dei menu, Finder, Spotlight e Siri, è facile eseguire le utili scorciatoie in qualsiasi momento. Si possono anche importare workflow esistenti da Automator in Comandi rapidi e iniziare subito a usarli.

Ci sono però anche funzioni molto attese di macOS Monterey che non sono rientrate in questa prima release ufficiale e per le quali si dovrà attendere un successivo aggiornamento.

macOS Monterey

Ad esempio, non è presente in questo lancio iniziale Controllo universale, che permette di lavorare con un solo mouse e un’unica tastiera e di passare facilmente da Mac a iPad e viceversa.

Né è subito disponibile SharePlay, che Apple ha invece già introdotto su iPhone e iPad con gli aggiornamenti iOS 15.1 e iPadOS 15.1.

macOS Monterey è disponibile come aggiornamento software gratuito.

A parte alcune macchine su cui era preinstallato, la release in distribuzione attualmente è macOS Monterey 12.0.1.

Per quanto riguarda il dubbio se aggiornare subito o meno da Big Sur a Monterey, alcuni utenti preferiscono attendere almeno qualche giorno, o anche di più, prima di un major upgrade del sistema operativo. Dipende dalle proprie esigenze e abitudini.

Si tratta di un aggiornamento importante, quindi la cautela non è mai troppa, soprattutto sui Mac in produzione. Prima di ogni aggiornamento importante, è innanzitutto essenziale eseguire il backup.

Poi, è opportuno verificare sui siti dei produttori che i software e i dispositivi hardware utilizzati nella propria attività siano pienamente compatibili e non presentino problemi con macOS Monterey.

Se si hanno dubbi, meglio attendere un po’ e monitorare il feedback degli utenti, che sicuramente arriverà presto su macOS Monterey, così come i primi update di risoluzioni di problemi e miglioramenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php