L’ufficio nello smartphone: guida alle app Office

La diffusione degli smartphone in ambito domestico ed aziendale è ormai totale.

Pensare ad un qualsiasi professionista o a una Pmi che non sia dotata di smartphone è impossibile: non di rado anzi ogni piccolo imprenditore ne possiede più di uno, oppure usa dispositivi dual SIM.

Le ragioni sono molteplici: il continuo miglioramento delle prestazioni di questi device si è sommato alla velocità delle reti mobili, consentendo utilizzi sempre più vicini a quelli possibili con normali personal computer e laptop.

Inoltre, le diagonali degli schermi dei moderni smartphone è crescita sempre più, facendo di fatto sparire la categoria dei phablet.

Oggi infatti quasi tutti i device di fascia media e superiore hanno display di almeno 6”, e la tendenza sembra orientarsi verso schermi ancor più generosi.

Non solo dimensioni tuttavia, ma anche la risoluzione è oggi di tutto rispetto, spesso Full HD e superiori.

A questo si uniscono storage talvolta perfino esagerati per la tipologia di prodotti (esistono modelli con 1 Tbyte integrato) e RAM superiore a quella vista in non pochi laptop.

Il risultato di questa corsa alle prestazioni sempre più spinte (e non considereremo in questo caso la sezione fotocamera) è stato un fiorire di app un tempo ben meno appetibili.

I lettori più maturi certamente ricorderanno come un tempo fossero solo i terminali Blackberry a essere presi in considerazione in ambito lavorativo, anche per via della tastiera fisica QWERTY di cui erano dotati.

Oggi la situazione è profondamente cambiata, e tanto per iOS quanto per Android esistono numerose app di produttività pensate per sfruttare al meglio le potenzialità degli smartphone moderni.

Qui parleremo delle app office per smartphone.

Si tratta di una categoria presente nei vari store da molto tempo, ma che solo in tempi recenti ha visto la propria definitiva affermazione.

Sebbene sia assolutamente possibile scrivere documenti ex novo direttamente dallo smartphone, crediamo sia più probabile la consultazione di testi e documenti già lavorati, oppure la loro modifica.

Le pur generose dimensioni dei display non invogliano la stesura di un lungo documento di testo, ad esempio.

Nonostante questo, la presenza del correttore automatico rende abbastanza agevole la scrittura, che grazie agli algoritmi di machine learning migliora costantemente le nostre performance in questo senso.

Tutte le novità tecnologiche, tuttavia, non sarebbero sufficienti a spiegare l’enorme successo degli smartphone in ambito business.

Smartphone, smart working

Non si può infatti tacere del profondo cambiamento avvenuto nelle nostre società e nel modo di lavorare, che è sempre meno confinato all’interno di perimetri fisici, rendendo in qualche modo superato il concetto di casa e ufficio.

Se l’attività produttiva in senso stretto non può certo essere slegata da un sito specifico, tutta l’attività di back office può essere espletata anche in luoghi diversi. Lo smart working è sempre più diffuso, il confine fra ambienti lavorativi e domestici si fa sempre più liquido, e le abitudini cambiano di conseguenza.

Il mercato delle app non si è fatto trovare impreparato, e ha accolto con entusiasmo le nuove tendenze in atto.

I prodotti in commercio sono numerosi. Se nessuna delle nostre proposte facesse al caso vostro, siamo comunque certi che potrete trovare una proposta a voi congeniale con facilità.

Il primo attore che vi citiamo è ovviamente Microsoft.

La casa di Redmond da tempo ha abbracciato la causa dei device mobili, anche dopo il fallimento del proprio progetto Windows Mobile. Tanto su iOS quanto su Android, è possibile scaricare le versioni per smartphone delle più celebri app che compongono la famosa suite Microsoft Office.

Stiamo parlando, è chiaro, di Word, Excel, Powerpoint e Outlook.

The app was not found in the store. 🙁

Tutti i software sono disponibili sia su iOS che su Android, e a titolo gratuito. Ai sottoscrittori di Office 365 (per PC o Mac) sono offerte anche ulteriori funzionalità, ma le versioni gratuite non pregiudicano un utilizzo soddisfacente del software.

I software girano piuttosto fluidamente anche su device non recentissimi, e permettono di svolgere in pieno il compito per cui nascono: prevalentemente lettura e revisione di documenti. Outlook è un eccellente client di posta , scaricato da milioni di utenti e a tutt’oggi funzionante anche con versione di Android davvero datate: si parte infatti dalla 4.4.

Come altre volte è accaduto, Microsoft ha saputo rimettersi in carreggiata e primeggiare fra i competitor, pur avendo inizialmente dedicato risorse ed energie alla propria piattaforma mobile. Certamente nessun prodotto è perfetto, ma le app di Microsoft sono ai vertici della categoria e costantemente aggiornate.

A fare da contraltare a Microsoft, troviamo un altro peso massimo: parliamo ovviamente di Google.

Sebbene Google sia il deus ex machina di Android, è fornito ampio supporto al mondo iOS. Le stesse app sono disponibili sui rispettivi store, e per entrambe le piattaforme sono possibili le stesse funzioni.

Al pari di Microsoft, Google offre singole app, omologhe al competitor. Fogli, Documenti, Presentazioni e ovviamente Gmail competono senza alcun problema con la controparte.

Fogli Google
Fogli Google
Developer: Google LLC
Price: Free
Documenti Google
Documenti Google
Developer: Google LLC
Price: Free
Presentazioni Google
Presentazioni Google
Developer: Google LLC
Price: Free
Gmail
Gmail
Developer: Google LLC
Price: Free

Per quanto riguarda Gmail, difficile immaginare qualcosa di più vicino ad uno standard de facto nel mondo mobile, tanto che solo su Android sono oltre 5 miliardi i download effettuati ad oggi. Interfaccia pulita, velocità e semplicità di uso sono qualità di cui le app di Google non difettano certo.

A fianco di due giganti come Microsoft e Google, esistono un nutrito gruppo di player che si sono ritagliati spazi di assoluto valore, e il mercato ha premiato in maniera importante la qualità offerta.

Un esempio è WPS Office, disponibile sia per iOS che per Android.

The app was not found in the store. 🙁

WPS office è una suite gratuita che offre la possibilità di aprire documenti Word, PowerPoint, Excel e file PDF, conservando al meglio la loro formattazione originale.

Inoltre, permette la creazione di documenti di testo, memo, fogli di calcolo e presentazioni salvandoli in vari formati di file. Il salvataggio e il caricamento dei file comprende un pieno supporto dei principali servizi di cloud storage, come Dropbox, Google Drive, OneDrive e BOX.

Anche WPS Office è gratuito, ma è possibile comunque pagare un importo davvero contenuto (meno di 8 euro l’anno mentre scriviamo) per ottenere la rimozione della pubblicità, e la firma dei file PDF. Non stupisce sapere che oltre 700 milioni di utenti abbiamo dato fiducia a questa valida suite. Vista la gratuità del prodotto non rimane che dargli una occhiata.

The app was not found in the store. 🙁

Tra le suite office più popolari per smartphone c’è certamente anche Polaris Office, anch’essa presente sia su Google Play Store che su App Store. Questa suite permette di visualizzare, modificare e creare documenti, presentazioni e fogli di calcolo.
Sono anche inclusi numerosi (ed utili) modelli preimpostati per la creazione di documenti dall’aspetto professionale: una operazione che richiede davvero pochi tocchi dello schermo

Il go to market di Polaris Office è variegato. La versione free, pur funzionante, risulta abbastanza carica di pubblicità talvolta invasive. Esistono fortunatamente numerosi piani di abbonamento. La pura rimozione delle pubblicità costa meno di 5 euro, ma il pacchetto più completo arriva a costare al momento in cui scriviamo 65 euro l’anno.

Tale cifra comprende una pletora di funzioni, come la sincronia di 15 dispositivi e la modifica di un numero illimitato di file PDF, oltre ovviamente alla rimozione della pubblicità.

OfficeSuite + PDF Editor
OfficeSuite + PDF Editor
Developer: MobiSystems
Price: Free+
The app was not found in the store. 🙁

L’ultima suite che vogliamo citare è OfficeSuite. Questa popolare suite, presente su entrambi gli store, è stata scaricata oltre 100 milioni di volte, a testimonianza della fiducia accordata da parte degli utenti. La stessa è disponibile anche per sistemi PC, e il go to market ne tiene effettivamente conto.

Infatti, sono due le versioni a pagamento: Si possono pagare 30 euro annuo per singolo utente, 1 PC e due dispositivi mobile. Oppure, 50 euro l’anno; questa volta gli utenti compresi sono 5, con 5 PC e 10 dispositivi mobile. Entrambi i piani comprendono inoltre 50 Gbyte di cloud storage.

Non finisce certo qui il mondo delle suite office per smartphone, ma le soluzioni citate sono certamente fra le più famose al mondo.

Abbiamo inoltre volutamente evitate proposte che fossero disponibili su una singola piattaforma, dato che il nostro scopo non è mettere in luce Android o iOS, quanto dare spazio ad una tendenza sempre più evidente, e della quale qualsiasi PMI o professionista non può non tenere conto.

Fortunatamente tutte le soluzioni scelte sono disponibili in versione gratuita, quindi il miglior suggerimento che possiamo darvi è: cominciate quanto prima ad abituarvi, provate e scegliete la proposta a voi più congeniale. Il futuro arriva rapidamente, meglio essere pronti ad accoglierlo.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome