Ifm apre alla videosorveglianza

La società ligure ha messo le mani su Scalab New Technology.

Ifm Infomaster ha acquisto il 51% di Scalab New Technology, società creata nel 2000 da un gruppo di ricercatori del Dibe, Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Genova.
In questo modo entra nel mercato della videosorveglianza attiva.

Scalab New Technology, infatti, ha realizzato un sistema modulare di videosorveglianza digitale a intelligenza distribuita, in grado di applicare algoritmi di riconoscimento degli eventi.

Il sistema si caratterizza per la capacità di gestire eventi (fatto rilevato), allarmi (insieme di uno o più fatti che complessivamente identificano una situazione di allerta) e azioni (insieme di operazioni da eseguire a fronte di un allarme).

La strategia di sviluppo della società ligure prevede l'iniziale integrazione del sistema di videosorveglianza attiva di Scalab con la piattaforma di comunicazione PhonesEnterprise e le soluzioni Gis (Geographic Information System), per la creazione di un sistema in grado di coniugare la comunicazione, il monitoraggio e la sicurezza, la rappresentazione geografica e la logica di processo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome