ECDL Foundation: nati nel digitale non vuol dire nativi digitali

Digital-Native_Ragazzi_ComputerCon il position paper intitolato “Computing and Digital Literacy: Call for a Holistic Approach”, ECDL Foundation ha presentato al Parlamento Europeo a Bruxelles un documento che prende in esame gli approcci di diversi Paesi d’Europa all’insegnamento delle competenze digitali a scuola.

Presentato in occasione della settimana del coding, l’intento è sottolineare l’importanza di rinforzare il bagaglio digitale di tutti gli studenti, non solo attraverso gli e-skills ma anche con l’insegnamento di programmi quali coding e problem posing & solving.
Per alcuni studenti questo approccio servirà ad aprire una carriera nel settore Ict, per altri sarà un modo per prepararsi a professioni che richiedono l’utilizzo di tecnologie digitali.

Non senza auspicare l’adozione di un approccio unico in grado di assicurare l’insegnamento sia di computing sia delle competenze di alfabetizzazione digitale, considerate entrambe necessarie da ECDL Foundation che, nel suo position paper sottolinea l’estrema diversità riscontrata nelle proposte formative tra i Paesi europei.

Da qui la necessità di introdurre l’alfabetizzazione digitale dalle scuole primarie in poi con strumenti internazionalmente riconosciuti, neutrali rispetto al mercato Ict e garantiti nella qualità di contenuti e nell’aggiornamento.

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here