Check Point scopre oltre 400 vulnerabilità nei chipset Qualcomm

I ricercatori Check Point hanno scoperto oltre 400 vulnerabilità nel chip Qualcomm integrato in oltre il 40% dei telefoni del mondo, compresi i telefoni di fascia alta di Google, LG, Samsung, Xiaomi, OnePlus e altri.
Attraverso queste vulnerabilità, i malintenzionati possono controllare un telefono Android per spiare, renderlo inaccessibile e nascondere attività malevole.

Centinaia di sezioni di codice vulnerabile sono state trovate nel Digital Signal Processor (DSP) di Qualcomm.
Quasi tutti i telefoni Android esistenti sono esposti a potenziali attacchi. Sebbene Qualcomm abbia sviluppato delle patch, i brand di telefonia devono ancora implementare delle correzioni, rendendo la minaccia ancora attuabile.
I ricercatori di Check Point hanno individuato centinaia di sezioni di codice vulnerabile all’interno di un chip che si trova in oltre il 40% dei telefoni del mondo. In un report intitolato “DSP-Gate” che verrà presentato durante DEF CON 2020, i ricercatori di Check Point hanno evidenziato gli importanti rischi per la sicurezza di oltre 400 vulnerabilità riscontrate nel DSP di Qualcomm

Per sfruttare queste vulnerabilità, un hacker dovrebbe semplicemente persuadere l’obiettivo a installare una banale applicazione benigna, che non richiede alcuna autorizzazione.

Check Point spiega cos’è un DSP

DSP sta per processore di segnale digitale. Un DSP è un processore dedicato e ottimizzato per eseguire in maniera estremamente efficiente sequenze di istruzioni ricorrenti nell’elaborazione di segnali digitali. I DSP sono progettati per eseguire funzioni matematiche come addizione e sottrazione ad alta velocità con il minimo consumo di energia. La tecnologia si trova all’interno di cuffie, smartphone, altoparlanti intelligenti, attrezzatura audio da studio, sistemi di intrattenimento per veicoli e altro ancora. Per esempio, c’è un DSP all’interno del vostro smartphone per decodificare file MP3, potenziare i bassi della vostra musica, eseguire la matematica per la cancellazione attiva del rumore e riconoscere la vostra voce quando dite “Ehi, Google!”. In parole povere, probabilmente potete guardare un DSP come un computer completo su un singolo chip – e quasi tutti i telefoni moderni includono almeno uno di questi chip.

Il DSP Qualcomm è un nuovo vettore di attacco

Dopo aver condotto le proprie analisi sul DSP di Qualcomm, i ricercatori del Check Point affermano che i DSP rappresentano una importante frontiera di attacco per gli hacker. Questi chip introducono nuove superfici di attacco e punti deboli nei dispositivi mobile. I chip DSP sono molto più vulnerabili ai rischi in quanto vengono gestiti come “Scatole Nere”, poiché può essere molto complesso per chiunque altro che non sia il loro produttore rivedere il loro design, le funzionalità o il codice.

Check Point Research ha deciso di non pubblicare tutti i dettagli tecnici di queste vulnerabilità fino a quando i produttori di telefonia mobile non avranno una soluzione completa ai possibili rischi descritti.
Tuttavia, la società ha deciso di annunciare questa scoperta per sensibilizzare l’opinione pubblica su questi problemi. Inoltre, Check Point ha aggiornato i funzionari governativi competenti e i produttori di dispositivi mobili interessati, collaborando a questo proposito per aiutare a rendere i loro telefoni cellulari più sicuri, con tutti i dettagli della ricerca. Check Point Research si impegna a rendere la tecnologia e i prodotti in tutto il mondo più sicuri e collaborerà con qualsiasi fornitore di sicurezza che richieda tale collaborazione. iPhone non è interessato dalle vulnerabilità descritte nella in questa ricerca.