Tutto su Bitcoin, dalla nascita a oggi e come si usa

Bitcoin, ovvero la moneta che non c’è, vale tanto, forse troppo, ed è oggetto della speculazione finanziaria internazionale.

Però spendere quei soldi rimane abbastanza difficile. E ai più anziani ricorda i giorni turbolenti della new economy, quando Tiscali in Borsa valeva come la Fiat.

Bitcoin è la criptovaluta inventata da Satoshi Nakamoto, chiunque esso sia. Una persona o più probabilmente un gruppo di persone che facevano riferimento all’ambiente cyberpunk americano, come racconta “Banking on bitcoin” un documentario su Netflix (anche in italiano con i sottotitoli) che ne racconta la storia.

Vista la crescita delle quotazioni a molti è venuta voglia di shopping.

Normale, ma prima sarebbe il caso di leggere le avvertenze della Banca d’Italia e soprattutto pensare che se volete investire non è il caso di farlo con soldi che non potete permettervi di perdere.

L’investimento è ad altissimo rischio.

Se poi invece volete sentire l’opinione di qualcuno che sulla moneta virtuale è molto più positivo potete ascoltare le lezioni su Youtube di Ferdinando Ametrano, docente alla Bicocca di Milano, che tiene un corso su Bitcoin e blockchain.

Bitcoin, Nakamoto, Silk Road

Di Bitcoin sappiamo che è la prima rete di pagamento elettronico realmente decentralizzata dove non ci sono banche o istituzioni di mezzo.

Per ora non incide sull’economia reale e il suo valore oscilla in base a motivi misteriosi non essendo la moneta ancorata a nulla. È una scommessa.

Una rete peer-to-peer tiene traccia di tutte le transazioni di Bitcoin fatte, per sempre

La grande innovazione della moneta e di blockchain, la tecnologia che la governa, è stata la risoluzione del problema della doppia spesa: come impedire a qualcuno di inviare le stesse monete digitali a due persone diverse. D’altronde stiamo parlando di file digitali.

Per evitarlo è necessario che ci sia un libro mastro condiviso che registri tutte le transazioni. Satoshi Nakamoto ha basato il tutto su una rete peer-to-peer che tiene copia di ogni transazione, per sempre.

Non è il modo più efficiente per progettare una rete di pagamento, ma una transazione non ha bisogno di occupare molto spazio, e la larghezza di banda e lo spazio di memorizzazione diventano più economici ogni anno.

Bitcoin ha iniziato ad attirare l'attenzione popolare nel 2011, e molti commenti non sono stati positivi. Una delle sue prime applicazioni fu per un sito web chiamato Silk Road, un servizio nascosto TOR che funzionava come una sorta di eBay per le droghe.

L'esistenza di Silk Road venne all'attenzione del senatore democratico Chuck Schumer che non ne fu entusiasta. E su Silk road venivano utilizzati i Bitcoin.

È facile immaginare che le cose potessero continuare così, con funzionari federali che si dedicheranno a chiudere la rete Bitcoin nello stesso modo in cui avrebbero chiuso i precedenti sistemi di moneta elettronica, troppo accomodanti per le transazioni illecite.

Ma l'attività di lobbying da parte degli addetti ai lavori di Bitcoin e dei loro sostenitori nel mondo libertario del think-tank ha convinto i funzionari a imboccare un'altra strada.

Questi sostenitori sottolinearono che la chiusura totale di Bitcoin si sarebbe rivelata probabilmente impossibile: il divieto negli Stati Uniti avrebbe semplicemente significato spingerlo Oltreoceano.

E se l'attività di Bitcoin si fosse incentrata in una giurisdizione ostile agli Stati Uniti, allora le forze dell'ordine avrebbero perso il potere sondare le società di Bitcoin, depositarie di preziose informazioni sugli usi illeciti della rete.

Nel frattempo, i sostenitori hanno sostenuto che la moneta possedeva il potenziale per essere una nuova importante fonte di innovazione tecnologica.

L'OK di Washington

Nel 2013 le forze dell' ordine e i membri del Congresso si convinsero della bontà di queste argomentazioni.

L' approvazione de facto di Washington ha accelerato un'ondata di investimenti nella Silicon Valley già in corso.

Secondo le statistiche raccolte da Coindesk, gli investimenti in Bitcoin sono aumentati da 2 milioni di dollari nel 2012 a 95 milioni nel 2013 e 361 milioni di dollari nel 2014.

Molti di questi primi investimenti miravano ad aiutare i consumatori a utilizzare Bitcoin per effettuare pagamenti quotidiani. Ma quasi nessuno era interessato a scambiare le proprie carte di credito con i portafogli Bitcoin.

Il processo di acquisizione, memorizzazione e spesa di Bitcoin è farraginoso. In più la rete Bitcoin non offre il tipo di protezione antifrode disponibile sulle reti finanziarie convenzionali. E la volatilità significa che si potrebbe riempire il portafoglio Bitcoin un giorno e poi scoprire che il 10% del suo valore è evaporato durante la notte.

Le altre criptovalute

Nel frattempo sono nate altre monete virtuali. Il più importante concorrente di Bitcoin oggi è Ethereum. Il fondatore Vitalik Buterin ha generalizzato i concetti alla base della blockchain per creare una rete in grado di eseguire programmi per computer arbitrariamente complessi, noti come smart contract.

Buterin ha lanciato Ethereum con una prevendita: le persone hanno avuto la possibilità di acquistare le monete prima del lancio della rete Ethereum.

Questi gettoni si sono rivelati un buon investimento, ed Ethereum ha ispirato una nuova frenesia speculativa delle offerte iniziali di monete.

Sono state poi create decine di nuove criptovalute e alla gente è stata data l'opportunità di acquistarle, in molti casi prima che il software per far funzionare le reti fosse stato addirittura finito.

Nel 2017 il mercato dell'ICO (Initial Coin Offer) è diventato enorme, con diverse offerte che ammontavano a oltre 100 milioni di dollari.

Quotazione alle stelle

Le ripetute ICO non hanno fatto altro che aumentare il valore della valuta. Per partecipare a un'Ico, le persone hanno bisogno di un modo per convertire il contante convenzionale nella nuova moneta.

E non è facile impostare un nuovo cambio per convertire dollari o euro in una nuova valuta esotica. Invece, gli scambi Bitcoin esistenti (e, in misura minore, di Ethereum) sono diventati il principale modo in cui le persone iniettano nuovo contante nell'ecosistema blockchain.

In questo modo, la funzione di Bitcoin è simile a quella del dollaro Usa nel commercio internazionale. Il dollaro è conosciuto come la valuta di riserva del mondo perché è la valuta più popolare per il commercio internazionale.

Quando due piccoli paesi commerciano tra loro, spesso negoziano in dollari perché il sistema finanziario globale è organizzato per renderlo conveniente.

Il dollaro delle criptovalute

Una dinamica simile è emersa per l'economia basata su blockchain. Se si dispone di ZCash, per esempio, e si desidera convertirlo in Ethereum Classic, trovare qualcuno disposto a fare quel mestiere per voi potrebbe essere una sfida.

Ma potete facilmente convertire il vostro ZCash in Bitcoin e poi convertire i Bitcoin in Ethereum classico.

Lo status di Bitcoin come mezzo di scambio predefinito nel mondo del blockchain spinge il suo valore verso l'alto in modo simile. Di fatto, è un mezzo popolare di scambio per le transazioni crittocurrency-to-cryptocurrency.

E per le persone che vogliono fare una scommessa a lungo termine sull'economia delle criptovalute, il suo acquisto può esssere una buona scelta.

Questo aiuta a spiegare perché il prezzo ha iniziato a salire a livelli vertiginosi all'inizio del 2017, mentre l'ecosistema blockchain più grande era in pieno boom.

Le persone avevano bisogno di monete per partecipare ad altre offerte di criptovalute, e Bitcoin è stato coinvolto nella euforia generale.

Il valore dell'Ethereum, la seconda valuta criptocurrency più preziosa, è aumentato di oltre 50 volte quest'anno, mentre allo stesso tempo il valore del Bitcoin è aumentato di 10 volte.

Quanto vale

Bitcoin è di gran lunga la critpovaluta più preziosa. Il suo valore ammonta a circa 170 miliardi di dollari, notevolmente superiore ai 45 miliardi di dollari per l'Ethereum al secondo posto.

Ma la comunità Bitcoin deve affrontare alcune grandi sfide future.

Un problema è rappresentato da un'incombente repressione normativa.

Bitcoin è già stata colpita dal divieto cinese che ha severamente limitato l'uso di criptovalute.

Negli Stati Uniti c'è un basso rischio di una repressione diretta di Bitcoin, ma c'è un rischio reale che la Securities and Exchange Commission reprimerà le Ico che hanno spinto al rialzo i prezzi di Bitcoin.

Le Ico assomigliano molto alle offerte convenzionali di titoli (Ipo), e la legge statunitense impone alle società di depositare elaborati documenti cartacei presso la Sec prima di offrire titoli al pubblico.

Se la Sec iniziasse a spegnere le Ico, o addirittura a perseguire i loro promotori, lo scenario di Bitcoin cambierebbe parecchio.

Limiti tecnici

La moneta virtuale ha anche un problema di congestione e una cultura disfunzionale che rende difficile per la comunità affrontare il problema in modo efficace.

Un limite di codifica rigida nel codice sorgente impedisce alla rete di elaborare più di una dozzina di transazioni al secondo.

Nel frattempo, il Bitcoin classico deve fare i conti con sfida del Bitcoin Cash, un clone più focalizzato su come affrontare le sfide di scalabilità, con l'uso ottimizzato del peer-to-peer.

C'è il pericolo che gli utenti, frustrati dalla rete congestionata e costosa che circonda il Bitcoin classico, possano passare a rivali come Cash.

Ma questa sarà un'altra storia.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

1 COMMENTO

  1. Niente paura, nessun crollo.
    Anche per quanto riguarda il nuovo anno bitcoin viene dato leader delle altre criptovalute che stanno divenendo parte del nostro quotidiano anche in Italia, accettate in molti esercizi commerciali. La questione cambiera’ quando i comuni per esempio inizieranno ad accettare il pagamento in cripto.

Rispondi a carlo Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here