Voto online, chi sono le startup della scheda elettorale

In fatto di voto online l'Estonia è sicuramente il Paese guida. Nel Paese baltico infatti da temposi vota tramite il web utilizzando la propria carta d'identità.

Argomento spinoso visto le implicazioni in datto di sicurezza e infatti proprio di recente il governo ha disattivato le carte di metà della popolazione perché vulnerabili agli hacker.

In Italia c'è stato l'esperimento, controverso, dei tablet acquistati per il referendum sull'autonomia della Regione Lombardia, mentre nel mondo ci sono un po' di società che stanno lavorando in questa direzione. Anche in questo caso molto utilizzata è la blockhain, apprezzata per la sicurezza. Qui nove società che si sono specializzate nel settore del voto online.

Blockchain e crittografia per il voto

Scytl. Fondata nel 2001 in Spagna ha organizzato 12 implementazioni a livello statale e le sue tecnologie sono state utilizzate in altre 980 giurisdizioni statunitensi in 28 stati, durante le elezioni generali del 2016. Specializzati in soluzioni elettorali e di voto online, i prodotti dell'azienda includono servizi online di registrazione degli elettori, gestione dei sondaggi e consegna elettronica delle schede elettorali. I suoi servizi di voto online utilizzano la crittografia end-to-end. Tra i clienti della Scytl figurano il ministero degli Affari Esteri francese, il partito Verde europeo, il parlamento della Ue e il cantone svizzero di Friburgo. Nel 2008, la società è diventata la prima società di voto online a ricevere la certificazione da parte del dipartimento di Stato della Florida.

Clear Ballot. È entrata nel settore della tecnologia elettorale nel 2009. A partire dal 2017, la società con sede a Boston ha raccolto 18 milioni di dollari per far crescere la sua attività. I suoi servizi includono sistemi di gestione elettorale, soluzioni per l'accesso al voto, soluzioni di voto preliminari, programmi di tabulazione e report e servizi di auditing. Certificata dallo Stato di Washington e dall’Oregon.

Polyas. Polyas iniziò la sua attività nel 1996, quando il fondatore Wolfgang Jung organizzò la prima elezione online in Finlandia, che comprendeva 30.000 voti e tre lingue. La società di software Micromata ha ulteriormente sviluppato il servizio fino a diventare uno spin-off nel 2012. Oggi l'azienda offre il voto online e quello in loco. I clienti di Polyas, che includono parlamenti giovanili, chiese e aziende, sono liberi di creare schede elettorali, caricare liste elettorali, controllare le liste di voto e definire le informazioni degli elettori. L' azienda ha aperto uffici a Berlino, Kassel, Zurigo e, più recentemente, a Vancouver.

Democracy Earth Foundation's Sovereign. La Democracy Earth Foundation, una fondazione senza scopo di lucro, ha creato Sovrano, una soluzione open source per il voto online. La piattaforma è focalizzata sulla decentralizzazione dei dati degli elettori con l'utilizzo di blockchain. Agli elettori può essere assegnato un determinato numero di "voti" che possono utilizzare per approvare una risoluzione o nominare un delegato. La piattaforma del Sovrano fu testata per la prima volta nel referendum per l’accordo tra la Colombia e il gruppo delle Farc.

Intelivote. Fondata nel 2003, Intelivote è specializzata in eVoting nelle elezioni municipali canadesi. Intelivote fornisce software di voto, gestione delle liste elettorali, consultazione dei sistemi elettorali e supporto logistico per la facilitazione delle elezioni. I suoi elettori hanno partecipato alle elezioni da lontano anche da Cina e Afghanistan. Gli investitori di Intelivote includono il governo della Nova Scotia, e la società ha lavorato anche nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Votem. Creata nel 2014, Votem, che utilizza anche blockchain offre la registrazione online degli elettori, voto elettronico, una piattaforma di voto mobile, e altro ancora. In agosto, la Us Election Assistance Commission ha annunciato che Votem avrebbe partecipato al suo programma di test e certificazione del sistema di voto. L'azienda è in partnership con il Blockchain Research Institute e l'Associazione Nazionale dei Segretari di Stato, e spera di avere un miliardo di persone che utilizzano le sue tecnologie entro il 2025.

Smartmatic. Ispirato alla causa Bush v. Gore Supreme Court, Smartmatic è stata fondata nel 2000 a Palm Beach, Florida. Da allora ha trovato una seconda casa in Estonia, dove ha cofondato il Centro di eccellenza per il voto su Internet nel 2014. Smartmatic è specializzata in sicurezza pubblica, gestione dell'identità, soluzioni di trasporto intelligenti e gestione dei documenti. Oltre all'Estonia, Smartmatic è stato utilizzato dalle Filippine, Uganda, Venezuela e dal Caucus presidenziale repubblicano nello Utah. Nell'aprile 2007 ha aiutato 74.000 cittadini a partecipare alle elezioni di Curacao.

Election Runner. Nelle elezioni in Texas Election Runner ha consentito agli elettori di votare su qualsiasi dispositivo da qualsiasi luogo. L' azienda è stata fondata dal ceo Sean Stewart nel 2016. La sua base clienti è costituita principalmente da organizzazioni e scuole, che possono registrare più elezioni presso le loro istituzioni e possono accedere a abbonamenti scontati. Le elezioni con un massimo di 20 elettori sono gratuite.

Votebox. I clienti di Votebox vanno oltre i partiti o i governi, e comprendono aziende, associazioni, scuole e sindacati. Fondata nel gennaio 2017, Votebox permette agli utenti di "personalizzare" le loro elezioni con marchio, messaggistica, esigenze linguistiche e altro ancora. Per le elezioni di trenta persone o meno è gratuito. Per le elezioni più complicate, gli utenti possono pagare 175 euro al mese, o scegliere un'opzione annuale. I clienti possono anche scegliere tra una votazione singola o illimitata.

Boulé. Fondata nel febbraio 2017,  entra a far parte delle fila degli altri servizi che utilizzano la blockchain. Sebbene relativamente nuova, l'azienda afferma che nel terzo trimestre del 2018 cercherà partner per commercializzare i suoi sistemi. Essa spera di avere una piattaforma di voto governativa standard pronta entro il 2020.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here