VeriSign, sempre più Telco

L’azienda si prepara a offrire un vasto database in grado di interconnettere gli utenti e gli apparti collegati a entrambe le reti attraverso una serie di tecnologie di instradamento e autenticazione.

Con il chiaro obiettivo di allargare il proprio orizzonte di business al di là dei pur vasti confini di Internet, VeriSign ha annunciato attraverso il suo presidente e amministratore delegato, Stratton Sclavos, l'intenzione di proporsi come azienda collocata sulla confusa linea di demarcazione tra Internet e le tradizionali reti di telecomunicazione, con l'offerta di un vasto database in grado di interconnettere gli utenti e gli apparti collegati a entrambe le reti attraverso una serie di tecnologie di instradamento e autenticazione.

Nel 2000 Verisign ha rilevato da Network Solutions uno dei fondamentali servizi di routing di Internet, il database del Dns (domain name server) relativo ai domini di primo livello .com, .net e .org. Oggi la società considera la progressiva digitalizzazione dei servizi di telecomunicazione e la crescente importanza della telefonia su Internet come una ottima chance per conquistare terreno in un mercato molto promettente. L'anno scorso VeriSign ha investito oltre 1 miliardo di dollari per acquistare l'operatore telefonico Illuminet Holdings. L'operazione aiuterà VeriSign a inaugurare un servizio che offrirà all'utenza aziendale la registrazione a Enum, un nuovo protocollo di comunicazione che permette ai suoi utilizzatori di digitare un numero di telefono nel campo di ricerca del browser e accedere attraverso tale numero a informazioni come indirizzi Web, indirizzi di telefonia su Ip e caselle di posta elettronica.

Nel corso del 2002 VeriSign spera di potersi muovere anche in altri segmenti, offrendo per esempio servizi di messaggistica Sms con autenticazione per la telefonia cellulare e messaggistica autenticata per Internet. «Entro il 2007 - ha specificato Sclavos durante una conferenza - VeriSign diventerà l'hub dei computer e delle comunicazioni su Internet e sulle reti telefoniche»

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here