Va Linux rinuncia all’hardware

La società si concentra sul software e sui tool mettendosi in diretta concorrenza con RedHat e CollabNet.

Cambiamento radicale per Va Linux Sytems, che ha annunciato che dal prossimo 10 luglio cesserà la commercializzazione dei computer Linux, abbandonando un business centrale fin dalla sua fondazione nel 1993. Alla decisione si accompagna anche una manovra riorganizzazione del personale, che comporterà tagli per il 35% della forza lavoro, pari a 153 dei 436 dipendenti.
Questa manovra di fatto porta la società a muoversi esclusivamente sul fronte del software e dei tool di programmazione, mettendosi in diretta concorrenza con società quali Red Hat o CollabNet.
Gli analisti concordano sul fatto che la mossa abbia una propria ragion d'essere, in considerazione del fatto che il business sull'hardware si è rivelato decisamente poco profittevole nel corso degli anni. A livello meramente finanziario l'operazione comporterà per Va Linux un netto calo nel fatturato, ma nel contempo l'aiuterà nel contenimento dei costi e dei flussi di cassa, notoriamente piuttosto onerosi ogni qualvolta si tratti di attività legate all'hardware.
Quanto alla nuova focalizzazione, Va Linux si concentrerà sulla vendita dei servizi SourceForge OnSite, che consentono alle aziende di sviluppare progetti di software collaborativi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here