Per l’Unione europea blockchain va bene, ma servono regole

Eva A. Kaili, membro del Parlamento europeo dove presiede il gruppo di valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche (Stoa), come intelligenza artificiale, fintech e blockchain ha inviato un intervento a CoinDesk dove chiarisce la posizione dell’Europa riguardo blockchain.

Eva A. Kaili, membro del Parlamento europeo, presiede il gruppo di valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche

L'eurodeputata greca dice che ci stiamo avviando verso l’era del decentramento grazie alla Dlt, Distributed ledger technology, che consentirà questa transizione. La tecnologia Dlt ha però “bisogno di un quadro disciplinato, di una certa fiducia, di un senso di certezza e della direzione più saggia possibile quando necessario”.

Non è necessario sottolineare l'impatto dirompente della disintermediazione, prosegue Kaili. Modelli aziendali emergenti democratizzano le catene del valore, eliminano i costi di transazione, ottimizzano l'allocazione delle risorse e dei rischi, espandono l'inclusione sociale e migliorano la qualità dei servizi e dei prodotti che riceviamo come clienti e cittadini.

Noi, come "evangelisti della blockchain", portiamo il nostro entusiasmo, mentre startup di tutto il mondo producono instancabilmente fantastici libri bianchi e realizzano proposte di valore radicali e sempre più istituzioni governative rispondono alle nuove sfide, a volte con riluttanza e a volte con coraggio.

Blockchain, approccio entusiasta della Ue

Finora l'Unione europea ha adottato un approccio entusiasta e passare dal ruolo del sostenitore a quello del regolatore è davvero impegnativo. E' impegnativo perché improvvisamente il compito non è quello di trasmettere agli altri i benefici del blockchain, ma creare un percorso che ci permetta di andarci il più velocemente possibile con il minor numero possibile di frizioni e inversioni di velocità.

Il primo requisito è creare condizioni di parità sia per le imprese di Dlt sia per i consumatori, garantendo la certezza giuridica e istituzionale. Senza certezza, non possiamo avere la necessaria scalabilità della tecnologia. Occorre inoltre armonizzare la certezza istituzionale e giuridica a livello dell'Unione europea”.

In caso contrario, una frammentazione normativa creerà attriti che possono uccidere le imprese più piccole. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di un certo livello di standardizzazione e di una politica flessibile ma funzionale del passaporto europeo per i prodotti e i servizi a catena blocco.

Per la responsabile del gruppo tecnologico blockchain non è solo una bella tecnologia. Si tratta di un'infrastruttura. Pertanto, la standardizzazione non è solo un veicolo dell'attività commerciale transfrontaliera. Si tratta inoltre di una condizione preliminare per l'interoperabilità delle infrastrutture. Ci sono migliaia di opzioni di piattaforma e nessuno sa quante alternative Dlt e modelli di business. La domanda è: come funzionerà questa costellazione di ecosistemi Dlt? “A mio parere, in quanto regolatore, collegare la scalabilità all'interoperabilità è strategicamente cruciale”.

Regole neutrali rispetto alla tecnologia

E dato che non è possibile regolamentare una tecnologia in quanto tale, il livello di standardizzazione dovrebbe essere proporzionale al principio dell'innovazione. “Ciò significa che non possiamo regolamentare una tecnologia ancora in evoluzione. Lasciate che l'innovazione produca prima i suoi frutti”.

Un principio corollario è che la regolamentazione deve essere neutrale rispetto alla tecnologia. Ad esempio, una moneta virtuale dovrebbe essere considerata un mezzo di pagamento, non un mezzo di scambio.

Altro principio normativo è che l'autorità di regolamentazione deve essere neutrale rispetto al modello commerciale. Ad esempio, nel caso dei pagamenti, i requisiti Kyc (Know your customer) per una banca non possono essere meno rigorosi di quelli previsti per un'impresa non bancaria.

La convinzione di Kailli è che sulla base dei casi d'uso che hanno raggiunto un livello di maturità affidabile, alcuni standard limitati in materia di identità, contratti intelligenti, protezione dei dati e cibersicurezza sarebbero molto utili sia per le imprese sia per i consumatori.

Ovviamente, i principi e l'approccio normativo tradiscono la preferenza dell'autorità di regolamentazione di introdurre un quadro normativo che abbia impatto non un approccio leggero. “Abbiamo bisogno di una regolamentazione intelligente e non è necessariamente un regolamento che racchiude nuove idee in vecchie scatole di regolamentazione”.

L’esempio è quello della discussione sulle Ico. C' è un dibattito molto interessante che cerca di risolvere il problema di che cosa sia un'Ico: titolo o merce? L'immatura autorità di regolamentazione statunitense lo definisce un sistema di sicurezza.

In Europa, riteniamo che questo vecchio quadro normativo non corrisponda a quello che abbiamo di fronte. Perché un'Ico deve essere definita come un titolo o una merce? Un'Ico è un'Ico e abbiamo bisogno di una certa regolamentazione di abilitazione che aiuti le imprese ad espandere le loro attività di crowdfunding e, allo stesso tempo, gli investitori a sentirsi a proprio agio”.

Il regolatore, aggiunge, deve essere generoso con una nuova tecnologia, per esempio attraverso la creazione di sandbox di regolamentazione, e questo è il mio atteggiamento nei confronti dei Dlt.

La generosità normativa è fondamentale nelle prime fasi di una tecnologia, perché consentirà ai modelli di business emergenti di passare rapidamente da una mentalità di "proof-of-concept" a una fase di "consegna di risultati quantitativi e qualitativi".

Solo così potremo vedere l'impatto effettivo della tecnologia sui mercati e sulla società nel suo complesso”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here