Unified communication per Pmi a partire da 10 euro per utente

Piccole e medie imprese nel mirino per Orange Business Services che presenta in Italia BuzMi.

Si tratta di una soluzione che incorpora servizi voce, unified inbox, messaggistica istantanea, presence e collaboration è basata sulla tecnologia cloud di Mitel e fornisce real-time collaboration estesa oltre l’ufficio fisico. Con l’obiettivo di raggiunge le aziende che vogliono svoltare nel mondo digitale, BuzMi viene erogato in modalità Saas ed è disponibile su qualsiasi device tranne gli smartphone Windows vista la ridotta quota di mercato. Atttivabile con un clic la soluzione di Orange riunisce in un’unica app gli strumenti di comunicazione.

Le tre offerte di BuzMi

La semplicità è una delle caratteristiche principali della soluzione, la cui offerta non comprende connessione e hardware, ma prevede un pacchetto a tariffa fissa con telefonia in cloud più traffico voce fisso oltre a strumenti di collaborazione opzionali.

Non c’è hardware da installare ma solo una soluzione software offerta in tre tagli: Essential, Premium Domestic e Premium International.

Un unico contratto copre le esigenze aziendali senza vincolo di durata.

Tutte le offerte comprendono 300 minuti mese di conversazioni telefoniche da dividere con gli altri membri del gruppo nazionali o internazionali a seconda del tipo di offerta.

Se la versione Essential da dieci euro mensili per utente copre esigenze di base, con la Premium domestic da venti euro sono comprese softphone application, mobile app, quattro device connessi, unified inbox, Im/presence e web portal.

Con la Premium international da 25 euro alle altre funzioni si aggiunge la possibilità dei collegamenti internazionali per i servizi voce.

Alle offerte è possibile aggiungere altri minuti di conversazioni o servizi che l’utente può monitorare controllando sempre il livello dei costi. Scalabile, è possibile aggiungere nuovi numeri da remoto, BuzMi non comporta alcuna manutenzione e per l’azienda si traduce in un’unica fattura.

L’Italia è il banco di prova della nuova offerta di Orange Business Services, gruppo da 40,9 miliardi di ricavi con 269 milioni di clienti in 220 paesi, che dopo il test nella Penisola punta ad aggredire gli altri mercati europei.

In Italia Orange opera in collaborazione con MiTel che si occuperà tramite la sua rete di partner della vendita di BuzMi.

L’obiettivo è di acquisire qualche punto di share nel 2018.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here