Un’area “sorvegliata” per Office 2010

La nuova versione della suite beneficerà di una “sandbox” separata dal sistema vero e proprio, all’interno della quale verranno gestiti i documenti sospetti.

E' praticamente impossibile rendere immune la suite Office a tutti gli errori e le vulnerabilità che caratterizzano, in particolare, i formati di documenti più "datati".



E' questa, sostanzialmente, la conclusione alla quale sono pervenuti i tecnici di Microsoft. Brad Albrecht, uno dei responsabili dello sviluppo di Office 2010, spiega come il prodotto integrerà l'utilizzo di una speciale "sandbox".

All'interno di tale area sorvegliata e separata dal sistema vero e proprio, verranno aperti e gestiti tutti quei documenti che in qualche maniera appaiono sospetti.

Ciascun documento nella sandbox avrà un ristretto numero di possibilità per interagire con il sistema operativo: in particolare, non sarà permessa la lettura e la modifica di qualche altro file locale.



Java utilizza un meccanismo similare per trattare ed eseguire le applet provenienti dalla rete Internet in modo che esse non possano provocare danni.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here