Una Internet tv per gli alberghi

La soluzione realizzata da Vda Multimedia permette di connnettersi tramite la televisione o utilizzando il proprio portatile

29 settembre 2003 Sono gli alberghi i clienti principali della
piattaforma Tv di Vda Multimedia, società di Pordenone partecipata da Bticino e
di proprietà della famiglia Vuan che nel 2003 dovrebbe chiudere con un giro
d'affari di venti milioni di euro. La società è specializzata nella produzione e
vendita di Power Tv un sistema di In room Tv che rende
disponibile direttamente sulla tv della camera l'accesso a Internet. Il sistema
consiste in un network computer, denominato terminale Actvie-2, che viene
inserito all'interno del televisore. La Tv infatti dispone di uno slot (uno
spazio dove inserire la scheda) situato nella parte posteriore dello schienale
all'interno del quale è possibile inserire il network computer che non ha
bisogno di particolari procedure di installazione o configurazione.


Il televisore diventa così un terminale che colloquia con un server centrale.
In questo modo il cliente può navigare su Internet, usufruire della tv on demand
ma anche utilizzare i servizi forniti dall'albergo che vanno dalla sveglia a
personal e group message o alla visione del conto in camera per fare qualche
esempio. Inoltre, tramite il sistema Lap top connectivity il
cliente può connettere il suo portatile e collegarsi direttamente alla rete con
pagamento tramite carta di credito o scheda prepagata. La velocità di
connessione del collegamento tramite tv dipende dal tipo di collegamento
utilizzato dall'albergo, mentre per quanto riguarda il pagamento Vda Multimedia
prevede comodato gratuito, locazione o vendita. Il sistema più utilizzato è il
primo e prevede una percentuale sugli incassi dell'albergo
derivanti dall'utilizzo del sistema per sette anni. La tariffa viene decisa
dall'albergo in caso di acquisto della piattaforma mentre spetta a Vda quando si
sceglie il comodato gratuito. Le previsioni per fine anno parlano di un totale
di oltre 18mila unità installate che dovrebbero diventare più di 28 mila nel
2004.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here