Un Time to Market più rapido? Serve il Requirements Management

La definizione e la gestione dei requisiti è oramai la disciplina fondamentale per il rilascio di successo di progetti software e di systems engineering.
Questa disciplina è anche richiesta dagli standard, regolamenti e iniziative volte al miglioramento della qualità.
Tuttavia, la creazione e gestione dei requisiti sono ancora una sfida per l’IT e per le attività di gestione delle relazioni contrattuali: i requisiti vanno definiti e gestiti per rispondere alle necessità del cliente, non tralasciando la conformità agli standard, le tempistiche e il budget del progetto.
Una scarsa definizione dei requisiti, ma soprattutto una cattiva gestione del loro cambiamento durante tutto il ciclo di sviluppo, soprattutto in alcuni ambiti come quello embedded, possono avere rilevanti conseguenze negative, capaci di generare un effetto domino che ricade su ritardi dei rilasci, consegne inadeguate o sforamenti del budget, o peggio, sulla non conformità dei processi e la risoluzione di contratti.

Obiettivi: rilasci più veloci e ROI più elevato

Per questa ragione il Requirements Management è un’attività fondamentale alla base dello sviluppo software, soprattutto in un mercato altamente competitivo come quello odierno, un’operazione con un grande potenziale in grado di garantire rilasci più veloci e un ROI più elevato.
Oggigiorno, la gestione dei requisiti è resa più complessa dagli elevati standard di qualità richiesti, dai brevi lassi temporali tra i rilasci, dai team geograficamente distribuiti e dal numero di informazioni da condividere con tutti gli stakeholders, nonché da specifici vincoli di mercato, requisiti, standard normativi, di governance e di safety che si incontrano in alcuni settori.

È l'ora dello sviluppo agile

In un mondo in continua evoluzione, quindi, le aziende necessitano di una strategia in grado di trasformare il cambiamento in una parte integrante dello sviluppo dei prodotti, come l’Agile software development che abbraccia il cambiamento, accettando l’idea che i requisiti evolvono con l’evoluzione del progetto.
Lo sviluppo agile promuove la pianificazione adattiva, lo sviluppo e la consegna evolutiva, incoraggiando una risposta rapida e flessibile al cambiamento.

Tre imperativi, secondo IBM

A questo proposito, IBM ha identificato tre imperativi da seguire nella gestione dei requisiti per avere successo in una trasformazione verso il processo Agile:

  • Tracciabilità in tutto il ciclo di vita
    Le funzionalità devono essere strettamente collegate in tutte le funzioni del ciclo di vita dell’ingegnerizzazione.
  • Accessibilità a tutte le informazioni
    Gli sviluppatori devono essere in grado di richiedere e organizzare le informazioni provenienti da tutto il ciclo di vita e da tutte le varianti di una linea di prodotti, in modo che ognuno abbia una visione olistica del software e dei sistemi che sta realizzando.
  • Collaborazione tra team e discipline
    Le richieste di modifica e il loro impatto possono influenzare molteplici sviluppatori e discipline, e tutti devono essere mantenuti aggiornati.

Se tutto questo discorso dovesse sembrare eccessivamente teorico, abbiamo un caso pratico da condividere con voi. Scaricate il case study per capire come Profesia ha garantito il successo di un progetto aerospaziale grazie all’efficace gestione dei requisiti con i prodotti IBM Rational.
Profesia è una realtà italiana che supporta i clienti nell’implementazione di progetti orientati al Systems Sharing for Business, allineando le esigenze architetturali ai business goal. Profesia si avvale di tecnologie commerciali e Open Source, capaci di garantire interoperabilità e trasparenza.
Ha competenze specifiche nell'ambito delle metodologie agili e collabora con realtà nei settori Difesa e Aerospazio, Manifatturiero, IT, Energia e Utility, Telecomunicazioni, Facility Management e Pubblica Amministrazione.

Scarica il case study

 

Informazione Pubbliredazionale

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here