Ue: stop temporaneo alla delibera sui brevetti

Dopo gli interventi di Torvalds, Widenius e Lerdorf, la Polonia ritira il suo appoggio. E la disputa si riaccende.

Evidentemente gli interventi della scorsa settimana da parte di Linux
Torvalds, Michael Widenius (creatore di MySql) e Rasmus Lerdorf (Php) qualche
effetto l'hanno avuto.
La scorsa settimana, tutti e tre, insieme a un gruppo
nutrito di sviluppatori di fama internazionale, si erano scagliati pesantemente
contro i lavori della Commissione Europea in materia di
brevetti, chiedendo esplicitamente uno stop alla delibera sui brevetti software,
considerata testualmente "pericolosa e illegittima".
E uno stop, almeno
temporaneo, è arrivato.
Anche perchè la Polonia ha fatto mancare il suo voto
favorevole e con esso la maggioranza.
Il dibattito sulla questione dei
brevetti è quantomai acceso, con forti sostenitori da entrambe le parti.
A
favore la Eicta, European Information and Communication Technology Association,e
Business Software Alliance, secondo le quali la direttiva potrebbe creare un
importante fondamento legislativo per i brevetti sul software all'interno
dell'Unione Europea, con conseguenti positive ricadute per le aziende europee,
che vedrebbero tutelati gli investimenti in ricerca e sviluppo.
Contraria
invece Ffii, Foundation for a Free Information Infrastructure, secondo la
quale la direttiva porrebbe limiti e minacce all'innovazione. 
La
disputa tra sostenitori e oppositori si è fatta più accesa negli ultimi
mesi, soprattutto da quando gli oppositori hanno cominciato a sostenere che in
realtà la legislazione sia fortemente voluta da Microsoft, che si muoverebbe
come "eminenza grigia", insieme ad altre importanti società produttrici di
software, dietro Bsa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here