Toshiba, lentamente, verso i desktop

Con orizzonti limitati, per il momento, al mercato americano, Toshiba sta percorrendo la strada dell’apertura verso i computer desktop di una gamma fino a poco tempo fa unicamente composta di notebook. Dopo aver saggiato il terreno con una gamma consum

Con orizzonti limitati, per il momento, al mercato americano, Toshiba sta
percorrendo la strada dell'apertura verso i computer desktop di una gamma
fino a poco tempo fa unicamente composta di notebook. Dopo aver saggiato il
terreno con una gamma consumer nello scorso settembre, l'azienda ha ora
lanciato di pc network-ready Equium, che contiene, in bundle, Intel LanDesk
Manager 3.0, le schede Fast Ethernet 10/100 Mbps, sempre di Intel, il
supporto dell'Universal Serial Bus e funzionalità "Instant On", per
consentire agli aministratori di accendere pc in remoto e teledistribuire
aggiornamenti software.
La linea Equium è composta di modelli desktop e minitower, con sistemi
operativi Windows 95 e Nt 4.0. Si parte dal 5160D (Pentium/166) per
arrivare al 6200D (Pentium Pro/200) sul fronte desktop, mentre il minitower
"minimo" parte con Pentium Pro a 200 MHz. La memoria spazia da 32 e 512 Mb
(sull'high-end 6200M), mentre l'hard disk arriva a un massimo di 4,3 Gb.
Per tutti, il Cd-Rom è a 12 velocità.
La disponibilità, come già detto, è per ora limitata al territorio
statunitense, ma anche al Cebit di Hannover saranno esposti, come test per
un possibile lancio in alcuni paesi europei (Germania, Francia e Gran
Bretagna). Difficilmente si vedranno in Italia prima della fina dell'anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here