A Torino c’è un edificio che dialoga con le persone

Un team italiano ha sviluppato una soluzione IoT di edificio che consente di perfezionare l’esperienza digitale di ambiente: personalizzare le esigenze di riscaldamento, raffreddamento e illuminazione, aprire porte, accendere la luce.

Il progetto realizza il concept dello studio Carlo Ratti Associati per la storica sede della Fondazione Agnelli: permettere, attraverso la possibilità di geo-localizzare (senza identificare) chi si muove all’interno del complesso, una gestione più efficiente del sistema impiantistico e un maggiore comfort delle persone in termini di accesso, disponibilità degli spazi e controllo degli impianti.

Integrato con Desigo CC, la piattaforma software di Siemens per la gestione dell’edificio che controlla e supervisiona clima, luci, oscuranti, controllo accessi, TVCC, allarmistica, e prenotazione sale riunioni, il sistema di geo-localizzazione, a tre assi, basato su smartphone e su tag personalizzati, rileva e comunica in autonomia i dati di presenza e posizionamento, attivando automaticamente le relative risposte degli impianti dell’edificio.

Tutti questi impianti e queste funzionalità possono essere adattate in tempo reale al numero delle persone nei diversi ambienti di edificio.

L’approccio di funzionamento è user-friendly: il sistema è implementato con interfacce in stile gaming e disponibile attraverso un’App (SpHere) disponibile per tutti coloro che si trovano nel building.

Come ha sottineato in una nota il presidente e Ad di Siemens Italia, Federico Golla, è come «se l'edificio prendesse vita con le informazioni. Dispositivi intelligenti generano enormi quantità di dati ogni giorno, ogni ora e ogni secondo. E con gli strumenti digitali giusti è possibile interagire con l’ambiente come mai è stato possibile prima. Per noi quello di Carlo Ratti Associati per Casa Agnelli è un concept ideale, per il quale abbiamo investito su know-how e tecnologie, in un continuum completo che unisce le competenze nelle soluzioni di digitalizzazione a quelle per la gestione integrata degli impianti».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here