Il termometro a infrarossi parla allo smartphone

La digitalizzazione della Sanità passa per grandi progetti, ma anche per piccoli gesti, quasi quotidiani, che si possono compiere in modi nuovi.

Un chiaro esempio viene dalla startup spagnola Oblumi, che ha sviluppato in questo senso Oblumi tapp, un piccolo termometro a infrarossi che funziona collegato a uno smartphone e attraverso di esso acquista alcune funzioni che un termometro classico non può certo avere.

Il "cuore" di Oblumi tapp è un sensore a infrarossi per la misurazione della temperatura. È studiato in particolare per i bambini, ma nulla vieta di usarlo anche per gli adulti o per valutare la temperatura di liquidi. Il sensore si collega al jack audio di uno smartphone e viene controllato da un'app iOS o Android.

oblumi-tapp-1L'app serve alla funzione base di un termometro - valutare la temperatura - ma sarebbe di poco valore aggiunto se non permettesse anche altro.

Innanzitutto tiene un "diario" delle misurazioni, poi le incrocia con i dosaggi degli antipiretici più diffusi per consigliarci meglio nelle medicazioni da prendere.

L'app permette anche di pianificare le misurazioni, avvisandoci al momento opportuno con un allarme.

Si tratta di uno strumento utile anche per i medici, dato che gestisce le informazioni raccolte in logica multi-paziente e permette di condividerle via cloud, ad esempio tra più medici o tra medico e paziente.

Questa condivisione prevede anche un sistema di notifiche, per segnalare a tutti gli utenti coinvolti le misurazioni effettuate e i farmaci assunti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here