Telepresenza, aiuto per budget e persone

Un’indagine di Easynet fa emergere i costi nascosti delle trasferte e propone una soluzione per attenuarli.

Easynet Global Services ha reso noti i risultati di una ricerca condotta online in collaborazione con Toluna nei mesi di ottobre e novembre 2008, “Face to Phase: The convergence of business travel and virtual meetings“, che ha raccolto le opinioni di 716 manager europei (di Germania, Regno Unito, Francia, Italia, Spagna, Paesi Bassi, Belgio e Svizzera) a proposito dei viaggi di lavoro e delle soluzioni di videocomunicazione.

Nel complesso è risultato che in Europa un manager su due ritiene che lo stress accumulato durante le trasferte può, a lungo termine, avere effetti destabilizzanti sul benessere e sull'equilibrio famigliare. Maggiormente a rischio risultano coloro che compiono più di 50 viaggi all'anno.

Italia (58%), Spagna e Gran Bretagna (56%) sono i paesi europei dove un elevato numero di manager considera le trasferte fonte di stress e quindi apprezzerebbe la presenza di soluzioni di telepresenza.

Dalla ricerca si evince anche un aspetto spesso trascurato dalle aziende: le trasferte rappresentano una chiara voce di costo nel conto economico, ma non esplicitano i costi indiretti determinati dall'impatto negativo che lo stress e la tensione generano nella vita delle persone.

Invece, rimarca una nota di Easynet, anche la produttività dei manager inficiata da stress e disagi rappresenta un costo. Questa considerazione dovrebbe pertanto stimolare l'adozione di tecnologie di telepresenza di ultima generazione, in grado di attenuare tali costi nascosti, ma reali.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here