Tavola rotonda Outlook 2018: il cloud è la risorsa per tutti

Per un giorno non hanno incontrato i clienti o fatto le classiche riunioni aziendali e si sono messi attorno a un tavolo neutrale per ragionare assieme di tecnologia, business, imprenditorialità e cloud.

Sono le aziende che hanno partecipato alla tavola rotonda organizzata da 01net dove si è discusso dei trend tecnologici per l'anno appena iniziato.

Sotto trovate le pillole video, che in un minuto racchiudono l'estrema sintesi della loto proposta, mentre il video integrale della tavola rotonda sarà messo a disposizione prossimamente

Intelligenza artificiale, blockchain, tutte le questioni legate alla sicurezza sono state ovviamente citate, ma forse un po’ a sorpresa il cloud ha ricevuto una grande attenzione negli interventi di tutti i partecipanti.

Il paradigma tecnologico che noi oggi diamo per scontato dopo avere visto decine di presentazioni e convegni che spiegavano il nuovo mondo della nuvola è attualissimo dal punto di vista del mercato e della tecnologia.

Perché, e su questo si sono trovati tutti d’accordo, la nuvola porta con sé anche una democratizzazione del mondo It. Se prima certe soluzioni tecnologiche erano appannaggio solo di grandi aziende che possedevano soldi per gli investimenti e competenze, oggi tutto questo non è ovviamente cambiato improvvisamente, ma con l’avvento dell’As-a-service permette a una platea più ampia di aziende di avvicinarsi a nuove tecnologie.

Con il cloud l'avvento dell'As a service

Il volume degli investimenti necessari si fa più ridotto, gli ostacoli di una infrastruttura legacy si fanno meno impervi ed esiste anche la possibilità di testare soluzioni, capire come si adattano al proprio business ed eventualmente cambiare strada senza avere piazzato in casa un elefante tecnologico.

Così, se dal  punto di vista tecnologico la situazione si è normalizzata, d’altronde anche l’innovativa blockchain può essere testata as a service, dall’altra parte si è creato un ambiente più favorevole agli investimenti con il varo del piano Calenda per l’Industria 4.0.

Una combinazione interessante che vale la pena di sfruttare anche se, e qui il problema si fa culturale, bisogna ripensare la propria azienda e il business in chiave digitale.

È forse questo il punto principale. Perché sono i modelli di business che devono cambiare magari guardando verso settori contigui a quello in cui si opera oppure utilizzando le competenze che si hanno in casa per virare verso altre attività.

Il tutto dando la giusta importanza ai dati, valorizzandoli, scremandoli perché non tutti sono utili ma farne un perno del proprio business con un occhio attento alla sicurezza che deve essere vista come una lunga marcia e per la quale è necessario un approccio olistico.

E valorizzando le risorse umane: la carenza di talenti esiste, per questo lavorare sulle persone è ancora più importante.

Agli imprenditori italiani si chiede in sostanza di essere diversi dal passato. Non devono diventare novelli Steve Jobs ma valorizzare la tecnologia che è uno strumento per fare business non un mero costo. Non un male necessario ma elemento fondamentale di un’azienda dove la capacità dell’imprenditore rimane sempre al primo posto.

E agli uomini dell’IT? Devono essere sempre più collegati al business. È l’unica ricetta.

Le pillole video dei partecipanti alla Tavola Rotonda Outlook 2018

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here