Perché la Svizzera è diventata la casa delle blockchain

La Svizzera vuole rubare la scena all’Estonia. O almeno ci prova. Tra il suo sistema amministrativo decentrato e l'ambizione di lanciare una moneta nazionale criptocurrency, il paese baltico si è affermato come riferimento della blockchain in Europa.

Ma un altro Stato sta moltiplicando le iniziative in questo senso: la Svizzera. La tecnologia utilizzata da Bitcoin ha diversi punti in comune con questo piccolo paese di otto milioni di persone. Il più significativo è il decentramento.

Ciascuno dei 26 cantoni svizzeri ha una propria costituzione e un proprio parlamento. Sono responsabili di diversi settori come istruzione, polizia, ospedali e fiscalità. E sono i Cantoni a prelevare determinate imposte e non la Confederazione.

Il sistema si adatta alla blockchain

"Si tratta di un sistema molto simile alla blockchain perché il potere è decentralizzato", afferma Anthony Lesoismier, cofondatore di SwissBorg, una startup svizzera che sta sviluppando una banca privata basata sulla blockchain. La città di Zugo ne ha fatto il suo cavallo di battaglia. Situato a sud di Zurigo, questo comune accetta Bitcoin come mezzo di pagamento per i suoi servizi pubblici.

Per il momento l'importo delle transazioni non può superare i 200 franchi (174 euro). L’iniziativa è stata presa dal consiglio comunale senza richiedere l' autorizzazione della capitale. Se il test avrà successo, la città potrebbe aumentare gli importi accettati e ampliare la portata dell'esperienza nel 2018.

La cittadina di Zugo (e il cantone in generale) è nota anche per la sua tassazione agevolata. Ha una popolazione di 29.000 abitanti e 30.000 imprese. "Ci sono molte holding delle grandi società. Numerose aziende americane che cercavano un pied-à-terre in Europa hanno aperto un negozio lì", dice Antoine Yeretzian. E non solo loro visto che 11 delle prime 15 posizioni della classifica per i redditi di un milione di franchi sono occupate da comuni di questo cantone.

Qui hanno la residenza fiscale anche il Ceo di Fca, Sergio Marchionne e il pilota della Ferrari Kimi Raikkonen. Il Cantone spera di attrarre la prossima generazione di finanziamenti, che comprende anche le startup blockchain al punto che Johann Gevers, un sudafricano leader di una piattaforma di trading valutario, ha coniato il termine Crypto Valley. Un' associazione omonima è stata creata nel 2017 e conta oggi più di 220 membri (imprese e privati).

Anche Ethereum a Zugo

La Fondazione Ethereum ha persino depositato i suoi bagagli nel canton Zugo. "Quando ho sentito dire che Ethereum era alla ricerca di una posizione ideale, li ho invitati a Zugo e li ho convinti dei vantaggi di aprire qui una sede ", ha detto Johann Gevers al quotidiano Le Temps.

Questa effervescenza richiede un piano di comunicazione intensivo. "C'è un sacco di marketing e branding in giro per la Crypto Valley. È chiaro che questo cantone vuole farsi un nome in materia", ha detto Antoine Yeretzian.

Il cantone però non ha il monopolio del blockain in Svizzera. Il registro di commercio di Ginevra sta attualmente testando la nuova tecnologia Ethereum. Fino ad oggi, l'amministrazione ha rilasciato solo estratti commerciali su supporto cartaceo, inviati per posta o da ritirare allo sportello. Se il progetto pilota sarà un successo, i cittadini ginevrini potranno ordinare online un estratto digitale e un estratto cartaceo tradizionale.

I documenti rilasciati possono essere verificati anche online tramite un servizio di convalida. Il Canton Ginevra partecipa a un altro progetto blockchain in collaborazione con l' associazione digitale elvetica, che mira a "facilitare la creazione di imprese e a rafforzare il tessuto economico svizzero", secondo una dichiarazione dell' amministrazione ginevrina. Questo progetto ricorda il programma di ricerca elettronica dell'Estonia, che permette agli stranieri di ottenere un'identità digitale che consente loro di accedere, tra l'altro, a servizi per la creazione di imprese.

Attenzione alle Ico

Il legislatore svizzero facilita lo sviluppo di questi progetti. "Dal punto di vista regolamentare, la Svizzera sostiene il principio della neutralità. Non è in procinto di vietare le cose. La Finma (l'autorità svizzera di vigilanza sui mercati finanziari, l’equivalente dell’italiana Consob) è abbastanza pragmatica in materia. Sa che la blockchain è un'onda da non perdere", spiega Cyrus Fazel, ceo di Swissborg. "Ha esaminato questi problemi fin dall' inizio, soprattutto per quanto riguarda il denaro cripto", dice Antoine Yeretzian.

Tuttavia, il gendarme finanziario svizzero non esita a intervenire soprattutto per quanto riguarda gli eccessi delle Initial coin offering dove le criptomonete si uniscono al crowdfunding. La maggior parte di queste operazioni sono effettuate nel cantone di Zugo (tramite le fondazioni) per motivi fiscali. In un recente comunicato stampa, Finma ha avvertito le aziende o le persone che desiderano procedere con un Ico: "il loro dovere è quello di garantire che rispettino gli obblighi derivanti dalle leggi applicabili al loro caso". Essa spiega che, a seconda delle caratteristiche degli Ico, la legge di vigilanza può applicarsi a determinati punti. Ad esempio, nella lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. "Se la creazione di gettoni da parte dell'organizzatore dell'Ico corrisponde a un'emissione di mezzi di pagamento, si applica la legge sul riciclaggio di denaro", dice l'organizzazione. Un ostacolo per la cripto valley.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here