Suse vara la piattaforma per gestire i container come servizi

Suse ha presentato Suse CaaS, Container as a Service, Platform, una piattaforma di sviluppo e hosting per applicazioni e servizi basati su container.

La soluzione costituisce una nuova componente del portafoglio di infrastrutture software-defined di Suse, che integra la tecnologia opensource per promuovere le innovazioni.

La piattaforma permette a sviluppatori e tecnici IT di effettuare il provisioning, gestire e scalare applicazioni e servizi basati su container per raggiungere più rapidamente gli obiettivi di business.

Le aziende che vogliono di migliorare la propria agilità di business stanno adottando un approccio che va nella direzione di infrastrutture definite via software per supportare la trasformazione delle applicazioni classiche in container.

La maggior parte delle aziende sta praticando la containerizzazione delle applicazioni esistenti in maniera diretta o per mezzo di un moderno approccio basato su architetture a microservizi.

SUSE CaaS Platform supporta entrambi questi percorsi aiutando i clienti a diventare più agili e a ridurre i costi operativi.

Piattaforma container a tre componenti

La CaaS Platform è formata da tre componenti chiave: orchestrazione mediante Kubernetes, sistema operativo creato su misura (SUSE MicroOS) per microservizi e container, e funzionalità di configurazione.

Gli obiettivi sono molteplici e partono da un time-to-market ridotto grazie alle funzionalità di immediato utilizzo della piattaforma che permettono ai clienti di implementare l'orchestrazione usando un sistema Kubernetes a livello di produzione, effettuare il deployment di servizi resilienti per container, massimizzare la portabilità e completare lo sviluppo all'interno di un ambiente sicuro.

Conta anche la superiore efficienza operativa che si raggiunge attraverso l'automazione delle attività di gestione del deployment e supporto del ciclo di vita applicativo completo dei container mediante il toolset integrato.

Questo toolset mette a disposizione le funzioni necessarie per poter gestire i registry on-premise, creare le immagini dei container, applicarvi patch in sicurezza, collaborare in maniera protetta e utilizzare le immagini verificate presenti su SUSE Registry.

Infine c'è anche la possibilità di DevOps per una migliore gestione del ciclo di vita applicativo. DevOps unifica sviluppo e operazioni attraverso una singola piattaforma che aiuta a risparmiare tempo in entrambe le discipline.

Inoltre semplifica il deployment di microservizi e permette la coesistenza di configurazioni e codice.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here