Sun lavora sul fronte low-end per combattere i server Wintel

Allo studio nuovi prodotti entry level, basati sulla linea Jalapeno di chip UltraSparc III, che andranno a rimpolpare la famiglia SunFire.

Secondo indiscrezioni interne, Sun starebbe preparando una nuova offensiva sulla fascia bassa dei server, per cercare di combattere il dominio dell'accoppiata Windows-Intel e frenare l'avanzata dei modelli Linux. Alla base ci sarebbe una nuova versione dei chip UltraSparc IIIi, dal nome in codice di Jalapeno, che saranno progettati per raggiungere frequenze di clock anche superiori al GHz e andarsi a posizionare direttamente contro gli ultimi Pentium 4 di Intel e Athlon di Amd. Secondo alcune fonti, questi processori potrebbero raggiungere gli 1,4 GHz, impiegando il processo di fabbricazione in rame a 0,13 micron di Texas Instruments. A ciò si aggiungerebbe una cache di Livello 2 da 1 Mb. Se tutto andrà bene (e non sempre lo è stato, in tempi recenti, per Sun, ad esempio sui prodotti midrange), le prime macchine dovrebbero essere disponibili nella prima metà del 2002. Potrebbero essere potenziate, in prima battuta, le workstation Sun Blade, per contrastare i prodotti a basso costo oggi disponibili su Pentium III e 4, da costruttori come Dell e Compaq.
Per quanto riguarda i server, ci si attende, sempre per la prima parte del prossimo anno, l'arrivo di un modello a due vie noto come Enchilada e di uno a quattro vie, dal nome in codice di Chalupa. Probabilmente queste macchine, basate su Solaris, saranno commercializzate con i marchi SunFire e non Netra, ma non è escluso che arrivino prodotti con entrambi i marchi. Il target dovrebbe essere rappresentato da aziende con necessità di Web o cache serving, attirate da specifici appliance.
Sempre sul fronte server, ricordiamo che, verso l'autunno, dovrebbero arrivare il quattro vie Cherrystone e l'otto vie Daktari, basati sugli UltraSparc III in versione potenziata, per soddisfare gli utenti che lavorano su grandi database, alti volumi di transazioni o pesanti carichi di lavoro. Le macchine avranno cache più grandi, ma non il partizionamento sofisticato degli attuali SunFire 3800, 4800 e 6800. In compenso, i nuovi UltraSparc III conterranno rimedi al bug trovato sul coprocessore matematico, riscontrato nelle precedenti versioni a 600, 750 e 900 MHz.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here