Startup al lavoro per fare la Borsa del cloud

Un giorno forse avremo anche una borsa del cloud computing? È possibile. In giro ci sono infatti startup che lavorano per ralizzare un mercato finanziario attraverso il quale aziende e individui potrebbero acquistare e vendere risorse informatiche (Cpu, Ram, storage), o speculare su questo tipi di prodotto.

Grazie alla blockchain tutto questo potrebbe diventare rapidamente una realtà. Golem, di origine polacca, è una delle primissime startup che promuovono l'idea di utilizzare blockchain (in questo caso Ethereum) per commercializzare le risorse It inutilizzate. In particolare, intende rispondere ai problemi di calcolo del rendering dell'immagine (o Cgi, per le immagini generate da cComputer).

Per finanziare il suo sviluppo, ha completato alla fine del 2016 una campagna di raccolta fondi per 8,6 milioni di dollari. Sulla scia di Golem, Otoy (che ha pubblicato il famoso motore di rendering OctaneRender) ha recentemente presentato un progetto equivalente. Questa società con sede a Los Angeles ha annunciato l'intenzione di creare entro la fine del 2018 una piattaforma che sfrutterà una rete blockchain per orchestrare la condivisione di pool di capacità di elaborazione grafica (Gpu).

Cpu e Ram da comprare sul cloud

In Francia, iExec ha la stessa visione. Dopo un Ico di 12,5 milioni di dollari completata nel mese di maggio, questo spinoff di Inria, organismo pubblico di ricerca, sta realizzando un marketplace che dovrebbe andare online tra poco. Inizialmente limitato all'elaborazione di criptovalute, la piattaforma dovrebbe prevedere anche la commercializzazione delle risorse di calcolo entro la metà del 2018.

La tecnologia di Ethereum, attraverso i suoi smart contract, ci permetterà di orchestrare la logica commerciale del nostro mercato: le condizioni per rendere disponibili Cpu e Ram, così come le operazioni finanziarie sottostanti effettuate tramite scambi di gettoni, spiega Gilles Fedak, ricercatore di Inria e fondatore di iEx. ec. Come sfondo, iExec utilizzerà la tecnologia informatica distribuita, basata sul principio del fog computing, per guidare l'esecuzione dell'elaborazione informatica.

Resta da vedere se questi mercati saranno abbastanza affidabili. Di fronte all'odierno cloud centralizzato e pubblico, questo modello è molto distribuito, una rottura che non sarà facile da accettare. Golem e iExec evidenziano entrambi i sistemi di rating ispirati ai mercati tradizionali. I fornitori di cloud di riferimento tramite la loro piattaforma saranno valutati in base alla loro capacità di eseguire l'elaborazione della qualità.

L'idea è di creare un circolo virtuoso costringendo gli attori a comportarsi bene. Su iExec, la qualità dell'esecuzione sarà stimata confrontando i risultati dello stesso trattamento tra diversi fornitori. Se il risultato di uno dei fornitori partecipanti al concorso è diverso, il suo punteggio sarà declassato, spiega Gilles Fedak. Con il passare del tempo, il mercato ridurrà la ridondanza dei test per i giocatori con un alto livello di fiducia. Questa logica è in una certa misura in linea con quella della "prova del lavoro" delle reti blockchain, finalizzata alla lotta contro la contraffazione delle criptomonete.

A Golem, la "grande fluidità" di un tale modello di cloud è particolarmente enfatizzata. I progressi introdotti dalla virtualizzazione negli ultimi dieci o vent’anni hanno contribuito a facilitare le implementazioni all'interno dei data center. Ma quando si tratta di noleggiare le risorse delle macchine, è molto difficile confrontare le diverse offerte. Ci vuole molto tempo e competenza per trovare la soluzione migliore. Un Cloud Marketplace aiuta a semplificare questo lavoro rendendo l'accesso al mercato molto più trasparente.

Il servizio di Amazon

Con una notevole capacità informatica non sempre sfruttata (soprattutto durante le ore di punta), i dipartimenti It dei grandi gruppi potrebbero essere tra i principali fornitori di queste piattaforme. Ma questo modello dovrebbe anche interessare gli stessi fornitori di cloud. Con i casi Spot, Amazon offre già un servizio per acquisire risorse inutilizzate nei suoi data center. Gli altri cloud avrebbero tutto l’interesse a orientarsi su questa strada. Il movimento potrebbe anche annunciare l'emergere di un mercato finanziario per il cloud computing.

Attraverso questa nuova categoria di servizi cloud è del tutto concepibile che nel lungo periodo sarà possibile speculare sulle risorse It riservando in anticipo capacità di calcolo di grandi volumi in momenti in cui sappiamo che ci sarà bisogno.

Potrebbe quindi emergere un "corso finanziario del cloud". Per portare all' emergere di un tale sistema, sarà necessario prima di tutto concordare un ambiente informatico standardizzato con un paradigma abbastanza semplice, ad esempio serverless sul modello Amazon Lambda.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here