Spesa It: tutti gli indicatori sono positivi per Gartner

Con l’inizio dell’anno, arrivano le previsioni di Gartner sulla spesa It nei prossimi mesi.
Se è vero che il segno è positivo, Gartner parla infatti di +2,4% a 3800 miliardi di dollari, tuttavia siamo di fronte a un ridimensionamento rispetto alle stime precedentemente rilasciate e attestate a un più robusto +3,9 per cento.
Precisazione per precisazione, tuttavia, Gartner non ipotizza una riduzione dimensionale degli investimenti, che sembrerebbero invariati rispetto alle precedenti previsioni, bensì attribuisce la rilettura delle stime soprattutto agli effetti valutari legati al cambio sul dollaro.

Ma dove si indirizzerà la spesa nei prossimi mesi?
Gli investimenti sui dispositivi dovrebbero crescere dei 5,1%, da 696 a 732 miliardi di dollari. Gartner sottolinea, in relazione a questo segmento di mercato, come per il mondo degli smartphone sia in atto una doppia polarizzazione sulla fascia più alta e su quella più bassa dell’offerta, che lascia ormai poco spazio e poche chance di crescita a chi vuol giocare nel midrange.

Più limitata la crescita in ambito data center, che dovrebbe passare dai 141 miliardi del 2014 ai 143 di fine 2015 con un +1,8% che in qualche misura consacra il passaggio ai servizi cloud-based, mentre per il software di classe enterprise ci si attende di nuovo una crescita superiore al 5 per cento (per la precisione 5,5%) da 317 a 335 miliardi di dollari. In questo caso, la competizione tra operatori del mondo cloud e quelli dell’on premise dovrebbe tradursi secondo Gartner in una riduzione dei prezzi, in particolare negli ambiti Crm e Saleforce automation, nei quali si parla di importanti tagli dei costi per postazione.

Di revisione al ribasso si parla per il segmento dei servizi It. Complessivamente il comparto dovrebbe chiudere con un +2,5% a 981 miliardi di dollari contro i 956 del 2014, con un incremento più modesto rispetto al +4,1% atteso.
Infine, per i servizi Tlc la crescita resta modesta, se pure di segno positivo diversamente dallo scorso anno. L’incremento atteso, pari allo 0,7%, dovrebbe portare il comparto a 1638 miliardi di dollari.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here