Software Ag vara un framework per il Gdpr

Internet delle cose Privacy

Software AG lancia il suo framework GDPR che consente alle aziende di far fronte alle sfide derivanti dall’imminente entrata in vigore del General Data Protection Regulation (GDPR).

Tra un anno, a decorrere dal 25 maggio 2018, la nuova normativa comunitaria imporrà a tutte le aziende e istituzioni dei vincoli legali volti alla protezione dei dati personali e alla tutela del diritto alla riservatezza dei dati di qualsiasi individuo residente nell’UE.

Il framework GDPR di Software AG fornisce ad aziende ed istituzioni le funzionalità necessarie per ottemperare agli obblighi imposti loro in quanto soggetti incaricati del trattamento dei dati personali, nonché i mezzi per creare la documentazione dettagliata delle attività di trattamento, garantendo così trasparenza su dati, processi e applicazioni nel contesto del GDPR.

Il framework GDPR di Software AG consente alle aziende di definire un framework GRC (governance, risk and compliance) per comunicare internamente le linee guida e le procedure per il corretto adeguamento al GDPR, per monitorare e assicurarsi che vi sia continuità nell’osservanza delle normative, e per proseguire, al tempo stesso, il proprio percorso di trasformazione digitale.

Il GDPR, che ha un impatto su tutte le aziende che trattano dati di individui residenti nell’UE, tutela maggiormente i dati personali, prevede obblighi più rigorosi per coloro che si occupano del loro trattamento, multe molto più salate per le violazioni e certificazioni a prova dell’accertata conformità. La normativa sostituisce e raggruppa le precedenti leggi sulla protezione dei dati personali, determinando un ambiente normativo standardizzato che agevola maggiormente il business a livello internazionale.

Gli immensi archivi di dati, i sistemi interconnessi, gli ecosistemi aziendali e le tecnologie che permettono alle aziende di servire i loro mercati e clienti, detengono una grande quantità di informazioni che deve essere tenuta sotto controllo. Sono ancora poche le aziende che dispongono dell’organismo di vigilanza richiesto, capace di sorvegliare i dati e il loro trattamento, vantando della specifica conoscenza del tipo di dato in loro possesso per essere in grado di adeguarsi alle regole del GDPR.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here