Smb ed e-business il focus di Ibm

Big Blue conferma i segnali di ripresa e ripropone i target dello scorso anno. Servono dati connessi più che velocità dei processori

Las Vegas, 2 marzo 2004 Quello dello Small and medium business è un mercato troppo grande perché dopo un anno Ibm cambi i suoi obiettivi. Compreso nel 2003 fra le sfide da vincere il mercato delle piccole e medie imprese rimane tra gli obiettivi principali di Big Blue che probabilmente ha ancora molto lavoro da compiere soprattutto fuori dagli Stati Uniti, sicuramente in Italia. Stessastoria per l'e-business on demand che è destinato a rimanere una costante dell'azione della multinazionale guidata da Sam Palmisano.
Ancora una volta, al centro dell'attenzione del colosso statunitense ci sono i business partner, quegli stessi che nel 2003 hanno portato a casa 29 miliardi di dollari, un terzo delle revenue prodotte da Big Blue nell'ultimo esercizio fiscale.
E nel corso dell'evento (non a caso intitolato Winning in an on demand world), le esortazioni di Palmisano, sono andate in un'unica direzione: quella dell'affermarsi sul mercato.
"Le condizioni economiche - ha affermato - stanno migliorando in tutto il mondo e nel 2004 prevediamo che i nostri clienti investiranno in aree a più alta crescita, servizi finanziari, governativi ed Smb in primis. Ma nel panorama odierno è l'idea dei dati connessi e standardizzati ad aumentare la domanda nel mercato dell'Information technology, non la velocita' dei microprocessori".
L'accento è nuovamente posto sulle necessità dei clienti, ma anche sull'e-business on demand, che dovrà permettere il collegamento fra le strategie e i modelli commerciali dei clienti con collaboratori, partner e fornitori. Il tutto condito da infrastrutture aperte e compatibili.
Business partner allertati, dunque sulla rotta indicata ormai 18 mesi fa da proseguire con l'aiuto di investimenti in formazione per il canale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here